Coronavirus, la Abbott Diagnostics si aggiudica la gara per i test sierologici: si parte il 4 maggio

Le analisi serviranno ad affrontare il post lockdown con un’indagine a campione sulla diffusione del virus

È ufficiale, il risultato è stato pubblicato nella serata del 25 aprile 2020 sul sito del governo nella sezione dedicata al commissario straordinario per l’emergenza Coronavirus Domenico Arcuri: ad aggiudicarsi la gara per i test sierologici in Italia sarà la Abbott Diagnostics, leader mondiale nel campo dei test per le malattie infettive, compreso lo sviluppo del primo test per l’Hiv. I test, lo ha annunciato lo stesso Arcuri, prenderanno il via il prossimo 4 maggio a livello nazionale, su un primo campione di 150mila persone.


Analisi che, questo è l’intento, saranno utili ad affrontare la Fase 2 con l’indagine campione sulla diffusione del Coronavirus. Secondo quanto spiega lo stesso colosso, che ha sede negli Stati Uniti, il nuovo test anticorpale per il Covid-19 di Abbott IgG SARS-CoV-2 identifica l’anticorpo IgG, una proteina prodotta dall’organismo nelle fasi avanzate dell’infezione e che potrebbe persistere per mesi e forse anni dopo la guarigione.

Un comunicato dell’azienda, presente in oltre 160 paesi e che ha circa 107mila dipendenti, spiega che «il test anticorpale rappresenta un importante passo avanti per stabilire se una persona è stata precedentemente infettata. Il test consentirà una migliore comprensione sulle dinamiche di questa infezione e in particolare sulla comparsa degli anticorpi e sulla loro persistenza. Queste conoscenze potrebbero contribuire allo sviluppo di terapie e vaccini».

BREAKING: We’re launching a COVID-19 antibody test that can help determine if a person has been previously infected….

Gepostet von Abbott am Mittwoch, 15. April 2020

Ci sono più di mille analizzatori del tipo ARCHITECT, uno dei sistemi più comuni a livello internazionale e usato da tempo: il test anticorpale IgG di Abbott sarà inizialmente disponibile sugli strumenti di laboratorio ARCHITECT i1000SR e i2000SR. Ogni analizzatore può elaborare fino a 200 test per ora. Ora l’azienda sta aumentando in modo significativo la produzione europea di test anticorpali, che estenderà poi al suo sistema Alinity i. E renderà disponibile anche il test sierologico per la determinazione qualitativa delle IgM dirette contro il SARS COV-2.

In copertina ANSA/MATTEO CORNER | Personale sanitario del laboratorio di microbiologia dell’ospedale di Cremona effettuano prelievi ematici per i test sierologici per verificare la presenza degli anticorpi per l’emergenza epidemia coronavirus Covid-19

Il parere degli esperti:

Leggi anche: