Francia, decapitato un professore: aveva mostrato in classe vignette su Maometto. Si indaga per terrorismo

Il presidente della Repubblica Emmanuel Macron ha raggiunto l’unità di crisi al ministero dell’Interno per seguire le indagini

Nell’hinterland di Parigi un professore di Storia e Geografia è stato decapitato da un ragazzo di 18 anni. L’uomo insegnava nel liceo di Bois d’Aulne, a Confians-Sainte-Honorine. Secondo le prime informazioni riportate dal quotidiano Le Monde negli scorsi giorni avrebbe mostrato in classe delle caricature di Maometto durante un corso sulla libertà di espressione. La scelta del professore avrebbe sollevato le lamentele di qualche genitore.


Il killer era nato a Mosca. Quando gli agenti lo hanno raggiunto si è presentato con quello che sembrerebbe un giubbotto esplosivo. Secondo le ricostruzioni della polizia, il ragazzo è stato ucciso durante uno scontro a fuoco perchè rifiutava di eseguire gli ordini degli agenti. Prima però il killer avrebbe pubblicato su Twitter le foto dell’attentato. Intanto la procura antiterrorismo ha già aperto un’inchiesta. Il presidente Emmanuel Macron si è mosso verso la cellula di crisi al ministero dell’Interno.

Il commento di Macron

«Un nostro connazionale – ha detto il presidente francese Emmanuel Macron sul luogo della decapitazione del professore di storia – è stato assassinato oggi perchè insegnava, perché ha predicato a degli allievi la libertà d’espressione, la libertà di credere e quella di non credere. Il nostro connazionale – ha detto Macron, visibilmente emozionato – è stato vigliaccamente attaccato, è stato la vittima di un chiaro attentato terrorista islamico».

Foto di copertina: ANSA | Foto di repertorio

Leggi anche: