Coronavirus, in Veneto 17 decessi e aumento degli ingressi in terapia intensiva. Zaia: «Rischiamo la zona arancione»

Il bilancio delle vittime sale a 9.891. Il presidente della Regione: «Siamo in trincea. Il futuro ci può riservare solo risalite sul fronte dei contagi»

Il Veneto registra 17 decessi per Coronavirus nelle ultime 24 ore. Ieri i decessi erano stati 22. Le vittime dall’inizio della pandemia adesso sono 9.891. Aumentano leggermente i nuovi casi. Stando all’ultimo bollettino regionale i positivi registrati nelle ultime 24 ore sono 1.272, contro i 1.228 di ieri, portando il totale a 336.750. Oggi è in aumento anche il dato ospedaliero, con 10 nuovi ingressi in terapia intensiva (ieri erano 6) per un totale di 155 pazienti ricoverati in rianimazione e 22 ricoveri in area non critica, dove i pazienti sono attualmente 1.194.


Il presidente della Regione Luca Zaia ha commentato: «Siamo ancora in trincea. L’ho detto tutti i giorni per quasi 60 giorni, finché c’è un positivo nel testing quotidiano, c’è ancora il virus. Oggi siamo nelle condizioni di capire che il futuro ci può riservare solo risalite sul fronte dei contagi e non discese. Abbiamo dei parametri che ci fanno pensare che da venerdì c’è il rischio di passare in arancione, e questo è un grosso guaio».

Leggi anche: