Vaccini anti-Covid, accordo Spallanzani-Gamaleya: via alla sperimentazione per i richiami con Sputnik V – Il video

L’inoculazione riguarderà 600 volontari che hanno già ricevuto una dose di AstraZeneca. Verranno usati anche Pfizer e Moderna

L’ospedale Spallanzani di Roma sperimenterà la somministrazione delle secondi dosi con vaccini anti-Covid diversi da AstraZeneca a 600 volontari che hanno ricevuto la prima iniezione del siero anglo-svedese. Nell’ambito del progetto, la seconda inoculazione sarà eseguita con i prodotti Pfizer, Sputnik V e Moderna. L’annuncio arriva direttamente dal direttore sanitario Francesco Vaia e dall’assessore laziale alla Sanità Alessio D’Amato che, questa mattina in collegamento streaming, hanno sottoscritto un accordo con l’Istituto Gamaleya di Mosca e il Fondo sovrano d’investimento russo. La sperimentazione partirà una volta ricevuto il consenso dall’Aifa. «Abbiamo sottoscritto questo accordo tecnico-scientifico con due obiettivi: verificare l’efficacia dello Sputnik V contro le varianti e stabilire se è possibile incrociare tipologie di vaccini diversi alla popolazione “perplessa”, cioè quelle persone dubbiose rispetto alla somministrazione del prodotto di AstraZeneca», ha dichiarato Vaia a Open.


«Ribadiamo che questo vaccino è affidabile e sicuro, come tutti gli altri, ma è anche giusto dare una risposta alle persone disorientate da un atteggiamento di comunicazione sbagliata. In questo modo, colmeremo la carenza di dosi e, qualora lo studio si riveli efficace, daremo un contributo al Paese e all’Europa. Questa tipologia di studi sono stati già approvati in altri Paesi, come Inghilterra e Germania, e ne abbiamo parlato con Aifa, che ci ha incoraggiati ad andare avanti. Superate le prime fasi, con la preparazione dei materiali biologici, nel giro di 10 giorni avvieremo questa sperimentazione. Come scienziati», conclude Vaia, «dobbiamo ricercare l’interesse dei cittadini, lontani dalla logica del brevetto e dalla geopolitica. È la prima volta che due istituti europei così prestigiosi avviano una collaborazione nell’interesse esclusivo dei cittadini: è emozionante».

Open | Il documento del Memorandum sottoscritto dalla Regione Lazio, dallo Spallanzani e dall’Istituto Gamaleya di Mosca.

Video: Giada Giorgi

Leggi anche: