La carica virale dei vaccinati è la stessa dei non vaccinati? Fauci parla di «casi rari» e della variante Delta

Circola un video dove Fauci dichiara che i vaccinati sono contagiosi come i non vaccinati, ma chi lo diffonde non riporta tutte le spiegazioni dello stesso Fauci

Circola un intervento di Anthony Fauci, tenuto durante un’intervista andata in onda il 27 luglio 2021 sul canale televisivo americano MSNBC, con il seguente commento: «Fauci: la carica virale nei vaccinati è la stessa dei non vaccinati». Questa citazione proverebbe a smentire quanto viene dichiarato da scienziati e istituzioni, ossia che «il vaccino serve per proteggere se stessi e gli altri». Non è la prima volta che viene contestata quest’ultima affermazione, avevamo trattato già in passato questa tematica in alcuni articoli di Open Fact-checking su un tema che avrebbero “scoperto” i critici del vaccino anti Covid19 e quelli del Green Pass: che i vaccinati positivi potrebbero contagiare e infettare le altre persone. Facciamo chiarezza citando le successive dichiarazioni dello stesso Fauci.

Per chi ha fretta

Analisi

Bisogna fare una premessa. Come abbiamo più volte spiegato a Open Fact-checking, i vaccini anti Covid19 puntano in primo luogo a proteggere l’individuo dalla malattia nelle sue forme gravi.

Ricordiamo il concetto di immunità sterilizzante, che abbiamo nuovamente spiegato in un articolo precedente a seguito delle dichiarazioni del ministro Giovannini da Vespa a Porta a Porta. Di fatto, anche un individuo completamente vaccinato può contrarre un infezione dal patogeno. «In un mondo ideale, tutti i vaccini indurrebbero l’immunità sterilizzante. In realtà, è estremamente difficile produrre vaccini che fermino del tutto l’infezione da virus» spiegava la ricercatrice Sarah Caddy, dell’Università di Cambridge, in un editoriale del 2017.

Il virus potrà comunque entrare nell’organismo di un completamente vaccinato, infettarlo ed essere contrastato dal sistema immunitario. Tale protezione, però, non è mai stata garantita come al 100%, e questo vale sia per quelli anti Covid19 quanto quelli contro altre malattie. Non dovrebbe essere una novità per nessuno, vista la storia dei vaccini e visto che durante il 2020 si è parlato delle percentuali di efficacia di quelli anti Covid19 che, ribadiamolo ancora una volta, non sono mai state portate al 100%.

Fauci e la variante Delta

Ecco la citazione associata a Fauci:

Se guardiamo al livello del virus, nelle mucose delle persone vaccinate contagiate da un’infezione di delta, è esattamente lo stesso livello di carica virale presente in una persona non vaccinata che è infetta.

Il tweet di Maurizio Gustinicchi.

Ecco la trascrizione completa del video diffuso tra gli utenti online:

Now, that we have a Delta variant, that has changed the entire landscape. Because when you look at the level of virus in the nasal pharynx of a vaccinated person who gets a breakthrough infection with Delta, it is exactly the same as the level of virus in a unvaccinated person who’s infected. That’s the problem.

Fauci fa riferimento proprio alla variante Delta del virus, ossia quella che veniva inizialmente chiamata “Indiana” proprio perché scoperta in India nell’ottobre del 2020 (ne parliamo qui), dove si è inizialmente diffusa per poi diventare nel tempo predominante in altri Paesi del mondo. Come possiamo notare dal seguente grafico, la variante si è diffusa prepotentemente in Italia e negli Stati Uniti negli ultimi due mesi.

Una variante che risulta essere più contagiosa rispetto ad altre registrate, determinando infezioni con cariche virali più alte, non a caso è stata classificata dall’OMS come Variants of Concern (VOC), o variante di preoccupazione (lo spieghiamo qui).

Il chiarimento di Fauci

Ulteriori dichiarazioni erano state rilasciate dallo stesso Fauci a PBS News Hour, la stessa data del 27 luglio:

The Delta variant has a very unusual capability of spreading much more easily than the Alpha did. And the other data we’re having right now is that, when people get breakthrough infections, when they’re vaccinated and they get infected, even when they have a situation where they don’t have an advanced disease, they clearly can transmit it to other people.

This is not a common event. So I don’t want people to be thinking that all kinds of vaccinated people are transmitting it. No, it’s a very unusual, rare event, but it occurs.

So, when you have vaccinated people who might have a breakthrough infection, and we know now as the fact, as a scientific fact, that they can transmit the virus to an uninfected person, it’s for that reason that the CDC made the change in recommendation, and did, just as you correctly stated, namely, that, if you are vaccinated, if you are in indoor setting, you should still wear a mask.

Il giorno successivo, intervistato ancora una volta dallo stesso canale televisivo americano, Fauci precisa la dichiarazione del giorno precedente:

Number two, the data are clear, the most recent data, that when a person gets infected who has been vaccinated, namely a breakthrough infection, and they get infected with the Delta variant, that the level of virus in their nasopharynx is about a thousand times higher than with the Alpha variant, and it has been well documented, that even though it’s a rare occurrence, those individuals can and have transmitted the virus to uninfected individuals.

A causa della variante Delta, essendo questa più contagiosa, la raccomandazione dei CDC americani pone i completamente vaccinati nella condizione di dover usare – per precauzione propria e altrui – le mascherine in determinate aree del Paese (lo spiegheremo a breve). Fauci, nel chiarimento del giorno successivo, spiega che la condizione precedentemente descritta sia da etichettare come un evento raro.

Come riportato in un articolo del Washington Post, non sono disponibili dati dal CDC per sostenere che la carica virale di un completamente vaccinato sia, sempre e comunque, identica a quella di un non vaccinato.

Le nuove regole dei CDC per i completamente vaccinati

Ricordiamo che nelle linee guida di Open Fact-checking per i non vaccinati, l’utilizzo delle mascherine nei luoghi pubblici continuava ad essere una pratica da perseguire affinché si ostacoli la diffusione del virus:

L’intervento di Fauci riguarda l’ultimo aggiornamento delle regole anti contagio dei CDC americani, i quali invitano anche i non vaccinati ad utilizzare le mascherine nelle aree del Paese considerate ad “alta trasmissione”. Partiamo dalle regole per i completamente vaccinati, recentemente aggiornate, dei CDC:

Quali sono le aree ritenute ad alta trasmissione? Ecco la mappa fornita dai CDC americani dove il rosso risulta chiaramente il colore di quelle più a rischio:

Conclusioni

I CDC americani raccomandano ai completamente vaccinati di indossare le mascherine nei luoghi al chiuso nelle zone del Paese considerate ad alta trasmissione. Questo significa che in quelle aree il virus circola troppo, aumentando i rischi ai completamente vaccinati di contrarre il virus. La situazione risulta invece, diversa, nel caso dei luoghi di bassa trasmissione.

Il vaccino è l’arma più potente che abbiamo per evitare ulteriori crisi al sistema sanitario, riducendo a sua volta i decessi.

Il vaccino non basta, e non è affatto una novità! In mancanza di un’immunità sterilizzante, il virus può in qualche modo infettare una persona completamente vaccinate e renderla o meno capace di contagiare il prossimo. Come abbiamo visto, considerando gli studi israeliani e le stesse dichiarazioni di Fauci, si tratta di eventi rari che vanno comunque considerati.

Il vaccino rallenta la replicazione del virus all’interno dell’organismo, diminuendo la possibilità che si formino nuove varianti più o meno pericolose. Nel caso dei non vaccinati, il virus può replicarsi indisturbato avendo, oltre alla possibilità di causare forme gravi della malattia, maggiori probabilità di sviluppare varianti più o meno pericolose.

Permane il principio che vede il vaccino come protezione non soltanto per se stessi, ma anche per gli altri. Questo perché, con i dati attuali – e nella speranza che non vengano alla luce ulteriori varianti preoccupanti – i completamente vaccinati hanno cariche virali più basse rispetto ai non vaccinati, se non in casi rari.

Leggi anche: