Il selfie della pace tra Salvini e Meloni: «Siamo destinati a governare assieme» – Il video

La conferenza stampa dei due leader del centrodestra dopo l’equivoco di Milano: «C’è affetto politico». La foto assieme e le battute con Tajani: «Le cose a tre le facciamo più tardi»

Basta un selfie a suggellare la pace tra Matteo Salvini e Giorgia Meloni. Il leader della Lega lo pubblica sulla sua pagina Facebook mentre prima della conferenza stampa in sostegno della candidatura di Enrico Michetti alle elezioni comunali di Roma arriva persino l’abbraccio tra i due. Un modo per calmare le acque dopo i dissapori sorti ieri a Milano, dove i due si sono incrociati ma non incontrati a causa di un ritardo aereo della leader di Fratelli d’Italia. «C’è affetto politico, siamo destinati a governare assieme», dice il segretario della Lega. Poco più in là c’è Antonio Tajani, che dovrebbe rappresentare Forza Italia. E che però non viene invitato nella foto. «Antonio più tardi ti coinvolgiamo, ora facciamo una cosa a due. Le cose a tre le facciamo più tardi – prova a scherzare Salvini – non è il momento…».


La conferenza stampa

Durante la conferenza stampa è Meloni a prendere la parola per prima. «Noi non stiamo insieme per interesse. Non come la sinistra, che occupa le poltrone solo per evitare che il centrodestra vada al governo», esordisce la leader di Fdi. Che poi va all’attacco di Gualtieri: «È stato ministro dell’Economia e ieri ha annunciato che chiederà due miliardi per la capitale. Mi vergogno per lui: aveva messo zero soldi per Roma nel Pnrr, allora». Il pronostico per Roma è pronto: «Abbiamo tutte le carte in regola non solo per arrivare al ballottaggio ma anche per vincere». Infine la promessa a Michetti: «Saremo al tuo fianco fino alla vittoria». Anche Salvini vede il ballottaggio nella Capitale: «Probabilmente non ce la facciamo a chiuderla al primo turno, ci manca quel pelino… Ma ci arriviamo direttamente in vantaggio e poi mi toglierò enormi soddisfazioni». Per il Capitano «il voto sarà una sorpresa eccezionale, ne sono convinto, vince chi da lunedì avrà più sindaci, chi meno avrà perso. Io sono convinto che Pd e M5S avranno meno sindaci». E ancora: «Si vota in 1200 comuni, in Calabria, a Siena, dove si è dimesso l’ex ministro Padoan, che si è dimesso per andare a Unicredit e ora vuole comprare Monte Paschi Siena, si parla di 50 miliardi andati in fumo». Infine, una richiesta: «Voglio che Michetti istituisca l’assessorato alla disabilità. Roma deve essere inclusiva soprattutto con i romani».


Leggi anche: