L’ipnotica versione per non udenti di “Soldi” di Mahmood – Il video

La traduzione nella lingua dei segni internazionale ha stregato il pubblico per carica espressiva e incisività

Fino a pochi decenni fa sembrava impossibile che si potessero fondere il mondo della musica e la sordità, ma con la diffusione del linguaggio Lis, anche la musica è cambiata.

Sono sempre di più sia gli artisti sia gli operatori della comunicazione che riescono a coniugare musica e linguaggio dei segni. Proprio sulla scia di questi presupposti, se esiste un evento musicale che tenta di andare oltre le barriere linguistiche (e non) questo è l’Eurovision, da poco conclusosi a Tel Aviv e che ha visto la vittoria dei Paesi Bassi con il brano Arcade di Duncan Laurence.

A rapire il pubblico italiano (e non) è certamente stato il brano di Mahmood Soldi, dato inizialmente per favorito nella competizione canora ma posizionatosi secondo. Il brano, però, sta scalando le classifiche di streaming di oltre 30 Paesi al mondo, secondo i dati di iTunes. Vincitore di Sanremo, è il più ascoltato a Cipro, in Austria, a Malta e in Grecia, mentre si piazza al secondo posto in Spagna e Israele, e al terzo in Lussemburgo e Romania. 

In rete, però, oltre alla performance di Mahmood sul palco dell’Eurovision in Israele, si è diffusa sui social una versione proveniente dall’Olanda, eseguita nella lingua dei segni internazionale. Protagonista del video è Hanneke de Raaff, un’interprete che, mediante l’uso del linguaggio dei segni e dell’espressività, è riuscita a catturare gli spettatori e a restituire una coinvolgente performance per sordi. 

Leggi anche