Universiadi, a Napoli 8mila atleti da 118 Paesi: chi sono gli azzurri da tenere d’occhio

Dall’università alle Olimpiadi per racchiudere un concetto di universalità. Prendono al via a Napoli le Universiadi

I giochi olimpici universitari furono fondate nel 1959 da un italiano, Primo Nebiolo, ex saltatore in lungo e presidente della Federazione Internazionale di Atletica dal 1981 fino alla sua morte. Dopo 22 anni dalle ultime competizioni organizzate in Sicilia, le Universiadi estive sono tornate in Italia, con i ottimo percorso delle azzurre di Milena Bertolini ai Mondiali di Francia, c’è grande attesa per l’Italia di calcio femminile anche alle Universiadi. Le ragazze di mister Jacopo Leandri nella partita d’esordio contro il Giappone hanno perso per 2-1. Per sperare nel passaggio del turno e accedere ai quarti le azzurre dovranno riuscire a piazzarsi tra le prime due squadre del Girone A.

Ottimo inizio invece per la nazionale maschile. Gli azzurrini di Daniele Arrigoni si sono imposti per 2-0 sul Messico e puntano a riconfermare quanto fatto quattro anni fa quando portarono a casa il titolo.

Due gironi di ferro invece aspettano le due nazionali di pallanuoto. Tra gli uomini, che disputeranno gironi e quarti a Caserta, l’Italia è stata sorteggiata con Croazia, Ungheria, Giappone ed Australia. Al suo esordio il settebello ha travolto i nipponici.

Le donne, che giocheranno eliminatorie e quarti a Casoria, se la vedranno con USA, Australia, Cina e Russia. Semifinali e finali di entrambi i tornei si giocheranno a Napoli.

Nei tuffi sei gli italiani in gara: Andrea Cosoli, Vincenzo Porco, Gabriele Auber, Antonio Volpe, Laura Bilotta, Flavia Pallotta. In totale saranno 116 gli atleti, 62 uomini e 54 donne, che si daranno battaglia dai trampolini della piscina della Mostra d’Oltremare, completamente rimessa a nuovo.

Oggi la passerella per Carlotta Ferlito. Sarà la ginnasta siciliana a portare la fiaccola che darà l’inizio alle Universiadi 2019. : la siciliana torna a disputare una gara internazionale dopo le Olimpiadi di Rio 2016 ed è una delle atlete azzurre più attese della manifestazione. Presente anche il presidente della Repubblica Sergio Mattarella per la cerimonia inaugurale.

Le discipline previste alle Universiadi sono in tutto diciotto: atletica leggera, ginnastica artistica, calcio, basket, nuoto, ginnastica ritmica, judo, pallavolo, pallanuoto, rugby a 7, taekwondo, scherma, tennis tavolo, tennis, tiro con l’arco, tiro a segno, vela e tuffi. La cerimonia di chiusura è prevista il 14 luglio.

I più attesi

Tra gli atleti di peso della spedizione italiana c’è Ayomide Folorunso, fresca di qualificazione per i Mondiali di atletica leggera in programma a Doha, in Qatar, dal 27 settembre al 6 ottobre. Lo scorso giugno, a Imola, l’atleta ha corso i 400 metri ostacoli con il tempo di 55.56 superando il tempo richiesto per partecipare alla rassegna iridata.

Nel 2016 Folorunso è stata protagonista agli Assoluti di Rieti dove ha stabilito il primato italiano under 21 dei 400 ostacoli in 55.54 migliorando il persone di oltre un secondo. Semifinalista di Giochi olimpici di Rio, si è portata a casa il primato italiano con la staffetta 4×400 azzurra. Nel 2017 ha conquistato il titolo europeo under 23 e l’oro alle Universiadi di Taipei.

In vasca è invece Ilaria Cusinato, la ventenne di Cittadella ad essere tra le nuotatrici italiane più attese. Bronzo ai campionati europei di nuoto in vasca corta nel 2017, e argento nei 400 misti ai campionati europei del 2018, non è riuscita agli ultimi campionati italiani, nonostante il primo posto nei 400 misti, ad ottenere la qualificazione per il mondiale di nuoto in programma a Gwangju, in Corea del Sud da metà luglio.

Nel palazzetto della ginnastica torna sul palcoscenico internazionale, dopo una lunga assenza di tre anni, Carlotta Ferlito. L’atleta olimpica di Rio 2016, dove si piazzò 12esima nel concorso generale, è tornata alle grandi gare. Agli ultimi campionato italiani assoluti Ferlito sembra essere apparsa in grado di competere ancora ad alti livelli, dopo la lunga pausa.

Leggi anche: