Pallanuoto, siamo campioni del mondo: il Settebello travolge la Spagna

Per l’Italia si tratta della quarta medaglia d’oro conquistata nella rassegna iridata coreana

L’Italia vince la medaglia d’oro ai campionati del mondo di pallanuoto di Gwangju. Il Settebello, dunque, travolge la Spagna per 10-5 in un match sempre guidato dalla squadra di Alessandro Campagna.

Le reti degli azzurri sono state segnate da Echenique, Figlioli, Renzuto, Aicardi, Di Fulvio, Bodegas e Luongo e Dolce, autori di una doppietta.

Quarta medaglia d’oro

Per l’Italia si tratta della quarta medaglia d’oro conquistata nella rassegna iridata coreana, dopo le tre arrivate nel nuoto a stile libero grazie a Simona Quadarella nei 1500, Gregorio Paltrinieri negli 800 e Federica Pellegrini nei 200.

Le reazioni

«Una partita perfetta in una giornata perfetta. Oggi dovevamo fare venire fuori la nostra personalità e il nostro ritmo e i ragazzi sono stati esemplari», così il ct dell’Italia di pallanuoto, Alessandro Campagna. «Quando vedo i giocatori che fanno tutto quello che prepari, vuol dire che sei un allenatore fortunato» ha aggiunto sostenendo, poi, che «c’è stato un arbitraggio discutibile con 16 espulsioni a 6 a nostro sfavore […] È un’Italia che rende orgogliosi tutti gli italiani».

La vittoria è stata festeggiata da tutto lo staff, compreso il ct, con un tuffo nella piscina insieme alla squadra neocampione. «Grandi ragazzi, grande Italia. Un altro oro che impreziosisce il medagliere azzurro ai Mondiali di Gwangju 2019» è il tweet del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

Paolo Barelli, presidente di Federnuoto, parla di una squadra «allenata alla perfezione»: «Siamo andati in forma al momento giusto, non all’inizio ma quando contava. La Spagna era favorita ma oggi non c’è stata partita». E poi l’auspicio che «questo ennesimo grande risultato» possa consentire all’Italia di «ottenere la giuste attenzioni per continuare ad ascoltare l’inno nazionale nei grandi eventi».

«Straordinari ragazzi! Col Settebello italiano ancora primi al mondo!» è, infine, il commento del ministro dell’Interno Matteo Salvini.

Leggi anche: