Esclusivo – Non c’era nessun progetto ribaltone. Senza Grillo (e Renzi) si votava a Ottobre

di OPEN

La linea cambiata in una notte

Ci sono due narrazioni di comodo della svolta politica d’agosto: quella secondo cui Salvini sarebbe caduto nella trappola già preparata da M5S e Pd per farlo fuori, e quella speculare secondo cui ora il governo nasce per mettere in sicurezza i conti del Paese e garantire taglio dei parlamentari e eventuale referendum costituzionale.

Sono bugie politiche, racconti di comodo per non dire la verità, che peraltro è chiara anche alla gran parte degli elettori dei vari schieramenti. Salvini all’inizio di agosto ha provato a mettere in scacco il governo, e si è infilato da solo in un tunnel senza uscita. Ma il capo leghista non è certo uno sprovveduto: aveva fatto le sue verifiche, sia tra i M5S di cui si fidava, sia con i vertici del Pd.

Un fatto è ormai noto. Sia lui che l’interlocutore hanno raccontato ai rispettivi collaboratori della telefonata di intesa con Zingaretti, mai smentita. Ma la rivisitazione documentale dei giorni della crisi conferma che anche Di Maio e i suoi avevano deciso di raccogliere la sfida del voto. Alla fine di quella lunga e drammatica giornata dell’8 agosto si riuniscono i vertici governativi del Movimento.

Alla fine, è notte fonda, uno di loro invia un messaggio a altri esponenti del M5S che aspettavano di conoscere l’esito della riunione. Ecco il testo: «Si va al voto. Conte magari avrà un ruolo importante nella campagna elettorale e vediamo tra Conte e Salvini cosa si sceglie». Anche la giornata successiva vede i vertici m5s mobilitati. Arriva da Milano Davide Casaleggio. Si decide di trasmettere un’immagine di compattezza nel momento in cui si raccoglie la sfida elettorale del “traditore” Salvini.

Sono le dieci di sera quando viene diffuso un comunicato alla fine di quella che viene citata come una riunione unitaria, con Di Maio, Di Battista e Davide Casaleggio presenti: «Andiamo al voto tagliando 345 poltrone. Completiamo l’opera. Tagliamo il prima possibile quelle poltrone, anche prima delle discussioni in Parlamento sulle mozioni di sfiducia a Conte. Ci manca un voto e taglieremo 345 stipendi, 345 poltrone e gli italiani avranno un Paese che spreca di meno e investe di più, visto che si risparmieranno 500 milioni di euro da investire in strade, scuole e abbassamento delle tasse».

Il voto finale sul taglio e poi si possono sciogliere le camere, è la linea messa nero su bianco dal Movimento. Durerà solo una notte, poi questa linea sarà ribaltata dal fondatore. Alla fine della mattinata del 10 agosto Beppe Grillo posta la nota che cambia tutto. Lette oggi, tante frasi messe in quel testo sono l’indicazione di una via, di un metodo e di un atteggiamento opposti a quelli che per 48 ore il Movimento aveva elaborato. Leggiamole:

COERENTI MA NON FESSI: «I nostri nemici pregano che la coerenza, solo la nostra, sia una sorta di colonna vertebrale di cristallo: “non vi preoccupate… sono talmente coerenti che si spezzano piuttosto che sopravvivere!” Questo pensano, pure molti sprovveduti al nostro interno».

LIBERIAMOCI DALL’IPNOSI DI SALVINI: «C’è Matteo Salvini che immagina il MoVimento come qualcosa che vive solo grazie a lui! Ma siamo diventati scemi? Hanno confuso coerenza con rigidità, anche molti di noi fanno questa confusione ed allora scattano meccanismi incredibili!».

TORNO IN CAMPO PER LIBERARVI DAL COMPLESSO DI “LUI”
«Ma è tutto così semplice in realtà…  Mi eleverò per salvare l’Italia dai nuovi barbari, non si può lasciare il paese in mano a della gente del genere solo perché crede che senza di loro non sopravviveremmo. Un complesso di Edipo in avvitamento che è soltanto un’illusione».

LO BUTTIAMO A FAR L’OPPOSIZIONE CON SILVIO E LA MELONI: «Lasciamoci quindi alle spalle Psiconani, Ballerine e Ministri Propaganda».

COL CAVOLO CHE GLI DIAMO LE ELEZIONI SUBITO: «Dobbiamo fare dei cambiamenti? Facciamoli subito, altro che elezioni, salviamo il paese dal restyling in grigioverde dell’establishment, che lo sta avvolgendo! Come un serpente che cambia la pelle».

E VI DICO COME RACCONTARLA AI NOSTRI: «Se la gente vedesse le cose per come sono capirebbe che quella di Salvini è una fuga e non un tradimento. Lui scappa dagli impegni che ha preso perché è un infiltrato dell’establishment che si sente scoperto. Sta scappando dal governo e dagli italiani remando nel lago del loro risentimento».

La mossa di Grillo spiazza totalmente lo stato maggiore dei 5 stelle. Solo il fondatore poteva del resto spazzare via alcuni dogmi del Movimento. Ma tutti in un minuto, leggendo il blog, capiscono che Grillo indica il trapezio del salto mortale, l’alleanza sempre rifiutata con quello che solo 23 giorni prima Luigi Di Maio ha chiamato “il partito di Bibbiano“.

E a un ministro in breve illusoria vacanza che chiede lumi a Palazzo Chigi, «Ma Beppe è tornato in campo?» arriva disarmante la risposta testuale: «Non lo abbiamo capito neanche noi…». Una settimana dopo lo stesso ministro riceverà dallo stesso importante interlocutore un messaggio da cui ben si coglie che la linea Grillo ha davvero sorpreso tutti, ma… funziona: «Effettivamente è cambiato il mood nel Paese. Anche Salvini era convinto che il Paese si sarebbe ribellato a una alleanza Pd M5s. Invece tutti i nostri ormai vedono in Salvini il mostro. L’importante ora è che Renzi non rompa le scatole…».

Già, perché l’altra metà del ribaltamento porta la firma dell’ex premier. Ed è storia più conosciuta. Resta solo un dubbio: si sono mai sentiti? Lo solletica la coincidenza dei loro interventi. Passano solo quattro ore dalla pubblicazione della nota di Grillo al momento in cui Renzi comincia a rispondere alle domande di Maria Teresa Meli nell’intervista che la mattina dopo uscirà sul Corriere della sera provocando la reazione a catena che capovolgerà la posizione del Pd. Per Renzi teorizzare il governo col M5s è come per un vegetariano aprire un McDonald, commenteranno in molti.

Eppure un’altra spregiudicata uscita di Renzi andrà in parallelo con un’altra decisiva svolta di Grillo. Il 22 agosto un giornale pubblica un articolo esclusivo con questo titolo: RENZI DICE SÌ A CONTE: «IO FARÒ LO SMINATORE». Qui il salto mortale è doppio, perché il giornale è il Fatto Quotidiano e l’articolo è Marco Lillo, autore dell’inchiesta su Consip e Renzi padre. Eppure il “senatore di Firenze” certo non smentisce. E 24 ore dopo è Grillo a utilizzare ancora il blog per innalzare Conte tra gli “elevati” e imporlo di fatto come candidato unico del Movimento…

Leggi anche: