«Di Maio Pentiti! Torna indietro, sono massoni e satanisti!», chi è l’uomo col crocifisso in piazza – Il video

L’uomo si chiama Davide Fabbri ed è un sedicente diacono esorcista di Rimini della milizia di san Michele Arcangelo

Abito talare e crocifisso in mano. Così si è presentato un uomo, nei pressi di Montecitorio, nel corso della manifestazione organizzata da Fratelli d’Italia (e a cui ha preso parte anche la Lega e lo stesso Matteo Salvini) per dire no al governo giallorosso, nato grazie a un accordo tra M5s e Pd.

Come si vede dal video, l’uomo si agita brandendo un crocifisso mentre si rivolge al capo politico dei 5 Stelle Luigi Di Maio invitandolo a «pentirsi». «Pentiti! Di Maio pentiti! Torna indietro, sono massoni! Sono satanisti! In nome di Gesù e della Santa Vergine Maria, pentiti!».

La denuncia sui social

«Il regime mafioso non ci fa passare, maledetti», dice in un video girato vicino a Montecitorio. Qualche ora prima, invece, aveva annunciato su Facebook la sua presenza in piazza per «esorcizzare» Di Maio.

Chi è l’uomo col crocifisso

L’uomo si chiama Davide Fabbri, sedicente diacono ed esorcista di Rimini, cavaliere della milizia di san Michele Arcangelo, come si legge sul suo profilo Facebook e sul suo sito ufficiale.

davide fabbri
L’uomo col crocifisso in mano

Conosciuto come il “Vikingo di Cervia”, ha preso parte, nel 2011, da “non famoso” al reality show L’Isola dei Famosi entrando in polemica con la conduttrice e ha dichiarato di essere il pronipote di Mussolini: «Mio nonno era suo nipote ma anche il suo migliore amico, ho foto che testimoniano la loro amicizia. Io sono molto legato alla mia famiglia di Predappio», ha spiegato al sito DavideMaggio.it.

Ex spogliarellista, in un video sosteneva di essere «un personal trainer della seduzione» capace di «rilanciare il maschio italiano in crisi» grazie ai suoi corsi.

Condannato per apologia di fascismo

Un anno fa è stato condannato a sei mesi di reclusione – pena sospesa – per apologia di fascismo dopo aver tappezzato il centro storico di Rimini di volantini con l’immagine di Benito Mussolini e la scritta «Per un mondo più pulito torna in vita zio Benito». Sul suo profilo Facebook, intanto, è un pullulare di post a sfondo politico e sullo scandalo di Bibbiano.

Un post di Davide Fabbri

Fabbri, dunque, non è nuovo a questo genere di iniziative.

La piazza delle bandiere tricolore

I manifestanti si sono presentati con bandiere tricolore, invocando le elezioni e urlando: «Bibbiano», alcuni hanno alzato il braccio e fatto il saluto romano.

Oltre ai “padroni della piazza” Meloni e Salvini, spuntano anche attivisti di CasaPound (ai quali sono stati chiusi tutti gli account su Facebook e Instagram).

Leggi anche: