Sondaggi Emg, la Lega perde quasi un punto. Stabili gli altri partiti. Italia Viva al 4,3%

Continua l’emorragia di voti del partito di Matteo Salvini che si conferma comunque ampiamente partito di maggioranza relativa

Sono stati diffusi i sondaggi Emg per la trasmissione Agorà di Raitre. Rispetto ai rilevamenti del 19 settembre la Lega di Matteo Salvini (pur restando abbondantemente il partito di maggioranza relativa) perde quasi un punto percentuale, passando dal 33,1% al 32,2% (-0,9%).

Tendenzialmente stabili gli altri partiti. Il Partito Democratico si conferma seconda forza politica nazionale con 20,3%, guadagnando un decimo rispetto ai sondaggi di sette giorni fa. Il Movimento 5 Stelle conquista un +0,2% passando dal 18,7% al 18,5%.

Invariato il dato di Fratelli d’Italia. Il partito guidato da Giorgia Meloni si attesta sul 7,3% e consolida il primato su Forza Italia, ancora in calo: gli azzurri infatti cedono ancora due decimi di punto declinando dal 7,0% al 6,8%.

Il neonato partito fondato dall’ex presidente del Consiglio e segretario del Pd Matteo Renzi guadagna consensi rispetto alla prima rilevazione. All’esordio nella valutazione demoscopica del consenso gli veniva attribuito un 3,4%: dopo una settimana Italia Viva conquista quasi un punto e si conferma sesta forza politica e terza della maggioranza del governo giallorosso.

Sempre a proposito di Italia Viva, Emg sonda anche l’opinione degli elettori circa l’affidabilità del partito guidato da Renzi all’interno del governo. Per la stragrande maggioranza degli elettori (70%) il senatore di Scandicci non sarebbe un alleato affidabile. Giudizio opposto per il 21%, mentre il 9% preferisce non rispondere.

Tendenza ancora più accentuata per quanto riguarda gli elettori delle Lega (88% di inaffidabilità) e quelli del M5S (73%). Chi vota Pd, invece, tende a dare maggiore fiducia all’ex segretario: il 43% lo considera un alleato di cui fidarsi.

Leggi anche