Coronavirus, è italiana la scoperta della mutazione che lo ha reso pericoloso per l’uomo

Il risultato ottenuto dal gruppo di statistica medica ed Epidemiologia molecolare dell’Università Campus Bio-medico di Roma diretto da Massimo Ciccozzi. Il primo autore è lo studente Domenico Benvenuto

È stata ricostruita la mutazione genetica che ha trasformato il Coronavirus degli animali in un virus umano, adattato cioè all’organismo degli esseri umani e capace di colpirlo. Il risultato, che è accessibile online e in via di pubblicazione sul Journal of Clinical Virology, è italiano e si deve al gruppo di statistica medica ed Epidemiologia molecolare dell’Università Campus Bio-medico di Roma diretto da Massimo Ciccozzi; il primo autore è lo studente Domenico Benvenuto.


Attraverso lo studio delle sequenze genetiche del virus in circolazione in Cina i ricercatori ne hanno ricostruito le mutazioni fino a scoprire quella che è stata decisiva per il cosiddetto salto di specie, ossia il cambiamento che ha permesso a un virus tipico degli animali, in particolare dei pipistrelli, di diventare capace di aggredire l’uomo. «È stato un cambiamento decisivo, una mutazione molto particolare avvenuta fra il 20 e il 25 novembre», ha spiegato Ciccozzi.

Come tutti i virus, spiega ancora lo scienziato, anche il coronavirus SarsCoV2 «muta in continuazione e cerca di cambiare aspetto per essere in equilibrio con il sistema immunitario ospite». Dopo quella di due proteine strutturali, la terza mutazione del coronavirus è stata quella decisiva: a trasformarsi è stata la proteine di superficie chiamata “spike” (punta, spina), che il virus utilizza per aggredire le cellule e invaderle per moltiplicarsi.

«È stata la mutazione della proteina spike che ha permesso al virus di fare il salto di specie. E’ una proteina abbastanza conservata nella storia evolutiva del virus – ha detto ancora Ciccozzi – e questa mutazione le ha permesso di fare il passaggio dall’animale all’uomo, innescando l’epidemia umana».

Il parere degli esperti

Leggi anche: