Le misure del governo per contenere l’epidemia – L’infografica

La quotidianità degli italiani deve subire un brusco stravolgimento: ecco le norme da seguire per bloccare la diffusione del coronavirus

Un nuovo decreto per evitare il contagio: il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha firmato una serie di provvedimenti estesi a tutto il territorio nazionale e che avranno validità fino al 3 aprile. Oltre a una serie di misure economiche per sostenere famiglie e imprese in difficoltà – stanziati 7,5 miliardi di euro -, il governo ha deciso una serie di misure atte a contenere l’epidemia del Coronavirus.


Scuole

Vietate le attività che comportano assembramenti di persone, sospesi i viaggi di istruzione, iniziative di scambio e visite guidate. Sospese le attività didattiche nelle scuole di ogni ordine e grado e nelle università: la misura, per il momento, sarà in vigore fino al 15 marzo, ma il governo non esclude un’eventuale proroga.

Sport

Anche il mondo sportivo ha delle nuove disposizioni: i grandi eventi devono essere celebrati a porte chiuse. Palestre, piscine – ma la stessa indicazione vale per cinema e teatri -, potranno aprire solo se in grado di far rispettare la distanza di sicurezza di almeno un metro tra le persone.

Smart working

I datori di lavoro possono applicare modalità di lavoro agile per ogni rapporto di lavoro di tipo subordinando: lo smart working può partire in modo automatico, senza particolari obblighi burocratrici. Alle aziende di trasporto pubblico è chiesto di prevedere la sanificazione straordinario dei mezzi.

Ospedali

Misure particolari per gli anziani e gli immunodepressi: devono uscire di casa solo se strettamente necessario evitando in tutti i modi i luoghi affollati. Per quanto riguarda gli ambienti ospedalieri, gli accompagnatori dei pazienti non potranno più attendere nelle sale d’attesa dei pronto soccorso. Limitato l’accesso dei visitatori nelle struttura di lunga degenza.

Norme di igiene

Il decreto comprende anche una serie di norme igienico-sanitarie come il lavarsi spesso le mani ed evitare abbracci e strette di mano. L’invito ai cittadini e di mantenere, qualora possibile una distanza interpersonale di almeno un metro. Si consiglia alle persone di non fare un uso promiscuo di bottiglie e bicchieri.

Video: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

Il parere degli esperti

Leggi anche: