Coronavirus, al via la fase clinica avanzata per 5 vaccini: potranno essere sperimentati sull’uomo

Sono 115 le sperimentazioni candidate, di cui 78 confermate come effettivamente in corso

Cresce l’attesa per un vaccino contro il Coronavirus, e aumenta la lista dei candidati in corsa: attualmente sono 78, cinque dei quali sono già entrati in fase di studi clinici, ovvero sono in sperimentazione sull’uomo. I dati, lo stato della ricerca e i dettagli sulle scoperte finora raggiunte sono stati raccolti in un articolo pubblicato sulla rivista Nature e realizzato da ricercatori della Coalition for Epidemic Preparedness Innovations, uno dei principali finanziatori di vaccini al mondo.


La sequenza genetica di Sars-CoV-2, si legge, «è stata pubblicata l’11 gennaio 2020, innescando un’intensa attività globale di ricerca e sviluppo per sviluppare un vaccino contro la malattia. La portata dell’impatto umanitario ed economico della pandemia Covid-19 sta portando alla valutazione di piattaforme tecnologiche in grado di accelerare lo sviluppo dei vaccini. Tanto che il primo candidato vaccino ha avviato test clinici umani con una rapidità senza precedenti, il 16 marzo scorso, seguito poco dopo da altri».

C’è da fare però una precisazione: il panorama globale comprende 115 candidati vaccinali, di cui 78 confermati come effettivamente in corso. Di questi 78 progetti attivi, 73 sono in fase esplorativa o pre clinica, mentre 5 sono in una fase più avanzata, e sono passati nella vera e propria fase di sviluppo clinico. Nel frattempo, i vaccini sperimentali sviluppati dai ricercatori dell’Università di Pittsburgh e del Baylor College of Medicine di Houston – negli Usa – stanno aspettando il permesso della Food and Drug Administration per iniziare i test sulle persone.

«Stiamo tutti cercando di fare qualcosa per cui non abbiamo quasi precedenti per accelerare un vaccino nel mezzo di una pandemia», ha affermato al New York Times il dottor Peter Hotez, che è condirettore del Texas Children’s Hospital Center for Vaccine Sviluppo presso il Baylor College of Medicine.

Il parere degli esperti:

Leggi anche: