Verso il nuovo decreto Covid, scuole aperte fino alla prima media anche in zona rossa

Niente Dad dopo Pasqua almeno per gli studenti più piccoli. Tra le conferme per il prossimo provvedimento è prevista poi l’assenza di zone gialle, almeno fino al 30 aprile

La scuola resterà aperta dopo Pasqua anche in zona rossa, ma solo fino alla prima media. Tra i primi punti fissati dalla Cabina di regia sulla pandemia di Coronavirus convocata questa mattina da Mario Draghi c’è la conferma che almeno gli studenti più piccoli non dovranno tornare alla Didattica a distanza. Nel prossimo decreto Covid, che dovrà entrare in vigore dal 7 aprile, a prescindere dal colore in cui si troverà la Regione, gli studenti torneranno in classe, dalle scuole materne fino alla primo anno delle medie.


Niente zone gialle prima di maggio

Dal vertice di circa un’ora presieduto dal premier Draghi, con buona parte del governo e i membri del Comitato tecnico scientifico (Cts), Silvio Brusaferro e Franco Locatelli, è emersa poi la conferma che fino al 30 aprile resteranno in vigore tutte le misure finora introdotte, dal coprifuoco al divieto di spostamento tra Regioni. Non ci saranno poi Regioni in zona gialla almeno fino al 30 aprile. Dunque non riapriranno neanche a pranzo i ristoranti e per ora non riprenderanno l’attività cinema, teatri o palestre. Per tutte le attività chiuse arriveranno – secondo quanto confermato nella riunione – nuovi rimborsi e sostegni, finanziati dalla richiesta di un nuovo scostamento di bilancio intorno al 10 aprile.

Da sapere:

Leggi anche: