Pasqua blindata in Liguria: vietati tutti i trasferimenti nelle seconde case

Il governatore Toti ha messo a punto l’ordinanza. E non esclude di prorogare la zona rossa in provincia di Savona e in quella di Imperia

Pasqua blindata in Liguria a causa dell’epidemia di Coronavirus. L’andamento dei contagi a livello locale ha spinto infatti il governatore Giovanni Toti a mettere a punto un’ordinanza che da mercoledì 31 marzo fino a lunedì 5 aprile compresi vieta i trasferimenti nelle seconde case, sia dentro, sia fuori dalla regione. Stop quindi alla mobilità da altre regioni verso la Liguria e anche all’interno dello stesso territorio regionale. Sarà vietato anche raggiungere barche o roulotte.


Possibile proroga della zona rossa

Toti da una parte ha chiesto al governo di fissare delle date per le riaperture, dall’altra ha annunciato che nei prossimi giorni nella sua regione potrebbero scattare ulteriori restrizioni. «In certe località non escludo di prolungare, assieme ai sindaci, la zona rossa», ha detto infatti il governatore, facendo riferimento in particolare alla provincia di Savona e a quella di Imperia. La zona rossa, che scatterà venerdì, potrebbe dunque essere prorogata anche dopo il 5 aprile, in base all’andamento dei contagi nella Riviera di Ponente.

Da sapere:

Leggi anche: