Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Trump torna agli insulti contro Biden: «Ma quale Covid, ha la demenza senile. La cestista Usa arrestata in Russia? Una viziata»

L’ex presidente degli Stati Uniti ha criticato lo scambio di prigionieri con la Russia che dovrebbe liberare la Brittney Griner in cambio del trafficante d’armi russo Viktor Bout: «Non mi sembra un grande affare»

Dopo il suo intervento a Washington in cui ha tratteggiato un programma per le elezioni del 2024, Donald Trump è tornato ad attaccare Joe Biden. Il presidente degli Stati Uniti ieri è risultato ancora positivo al Covid, dopo che si era negativizzato lo scorso 27 giugno: «I dottori hanno sbagliato la diagnosi. Biden non ha di nuovo il Covid, altrimenti detto il virus della Cina, bensì la demenza senile». Ancora una volta Trump ha fatto riferimento alle elezioni del 2020, accusando Biden di aver vinto grazie a una serie di brogli: «Joe sta pensando di trasferirsi part time in una di quelle belle case di riposo del Wisconsin dove quasi il 100 per cento dei residenti, miracolosamente e per la prima volta nella storia, hanno avuto la forza e l’energia di votare, anche se quei voti sono stati espressi illegalmente. Guarisci presto Joe!». Tutto il messaggio è stato scritto su Truth, la piattaforma social fondata dallo stesso Trump.


Donald Trump è intervenuto anche sullo scambio di prigionieri che dovrebbe portare alla libertà di Brittney Griner, la cestista arrestata in Russia lo scorso 1° febbraio dopo che nel suo bagaglio erano state trovate cartucce per le sigarette elettroniche che contenevano olio di cannabis: «Sapeva che non si va lì carichi di droga e lo ha anche ammesso». Secondo alcune indiscrezioni, nella lista di prigionieri russi offerti a Mosca dalla Casa Bianca dovrebbe esserci anche Viktor Bout, ex ufficiale dell’aeronautica russa e trafficante di armi condannato a 25 anni di prigione: «Questo scambio non sembra un grande affare. Bout è uno dei peggiori criminali al mondo e gli potrebbe essere concessa la libertà perché una persona viziata va in Russia carica di droga».


Continua a leggere su Open

Leggi anche: