Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Inter, la Premier pesca ancora in Italia: Casadei è del Chelsea

Il classe 2003 si trasferisce in Premier League: i nerazzurri incasseranno circa 20 milioni di euro

Un altro giovane talento sta per lasciare l’Italia, destinazione Premier League. Perché quando si tratta di calciomercato spesso le esigenze economiche dei club si scontrano con la volontà di allenatori e tifosi, che vorrebbero veder crescere nelle proprie squadre le giovani promesse del settore giovanile. Succede così che un Cesare Casadei – stellina dell’Inter richiesta da mezza Serie A – faccia le valigie per lasciare il club che più di tutti aveva puntato su di lui per provare diventare grande oltre Manica. In Premier League per la precisione, il campionato numero uno al mondo che sempre più spesso guarda in Italia per scovare giocatori promettenti da far crescere in Inghilterra. E’ il caso del Chelsea che, dopo una trattativa durata più di un mese, è riuscita a trovare un accordo con i nerazzurri per l’acquisto a titolo definitivo del classe 2003. Il ragazzo è ormai pronto a volare a Londra, dove spera di affermarsi con la maglia dei Blues.


Offerta irrinunciabile

GIUSEPPE MAROTTA
ANSA | Giuseppe Marotta, amministratore delegato dell’Inter

Per convincere l’Inter a privarsi di Casadei è servita un’offerta importante, che il Chelsea ha prontamente messo sul piatto. I Blues infatti verseranno nelle casse nerazzurre 15 milioni di euro – per un giocatore che non ha ancora esordito in Serie A – più 5 di bonus. Casadei volerà a Londra nella giornata di mercoledì 17 agosto e il giorno successivo svolgerà le visite mediche. Poi si metterà a disposizione di Tuchel, inizialmente aggregato al Chelsea U23. Ma con vista prima squadra, visto il grande investimento del club britannico. Intanto in casa Inter entrano soldi freschi, vitali per le casse del club che daranno l’accelerata, forse decisiva, all’operazione difensore per Simone Inzaghi. E l’obiettivo noto da tempo è quello di Manuel Akanji.


Continua a leggere su Open

Leggi anche: