Sanremo, l’omaggio di Amadeus e Gianni Morandi a Mihajlovic: «Un grande uomo che ha sempre puntato sui giovani»

«Oggi è una giornata triste per la scomparsa di un grande amico, un grande uomo, un grande campione, un grande allenatore, una grande persona. Era un uomo duro ed era un uomo di una simpatia pazzesca», ha ricordato il direttore artistico del Festival

Non solo il mondo del calcio piange Sinisa Mihajlovic. Anche Amadeus e Gianni Morandi, in apertura della finalissima di Sanremo Giovani, hanno voluto ricordare l’ex calciatore e allenatore, morto a 53 anni dopo una lunga lotta contro la leucemia mieloide acuta, che lo colpì per la prima volta nel 2019 e, successivamente, nel marzo di quest’anno. «Dobbiamo essere sinceri – ha esordito il direttore artistico e conduttore del Festival di Sanremo – io e Gianni avevamo in mente un altro inizio per questo programma. Ma per noi e per milioni di persone, oggi è una giornata triste per la scomparsa di un grande amico, un grande uomo, un grande campione, un grande allenatore, una grande persona. Quindi, volevamo iniziare, dedicando questa serata a Sinisa. Siamo molto vicini alla sua splendida famiglia». Morandi, oltre che da amico di Mr. Sinisa, nonché da tifoso e da ex presidente onorario del Bologna, l’ultima squadra allenata da Mihajlovic, ha espresso il proprio cordoglio: «Pensare che siamo qui, nel paese della musica, insieme a questi giovani che sperano di diventare importanti nell’ambito musicale, quando è arrivata questa notizia, sono stato male. L’avevo sentito da poco. L’ultima squadra che aveva allenato era il Bologna, si era curato a Bologna. Speravo che vincesse questa battaglia perché lui era veramente forte». E nel rendere omaggio a Mihajlovic, Amadeus, dopo aver ricordato che, «Sinisa, da allenatore, ha sempre investito molto sui giovani», ha lanciato una clip tratta dalla terza serata del Festival di Sanremo 2021, quando Mr. Sinisa salì sul palco dell’Ariston assieme a Fiorello e a Zlatan Ibrahimovic per cantare Io vagabondo dei Nomadi. «Lo vogliamo ricordare così. Era un uomo duro ed era un uomo di una simpatia pazzesca», ha concluso Amadeus.


Continua a leggere su Open


Leggi anche: