Alan Kurdi: i 64 migranti redistribuiti tra Germania, Francia, Portogallo e Lussemburgo

Per Matteo Salvini: «Ottime notizie! Nessuno della nave arriverà in Italia»

I 62 migranti della Alan Kurdi, nave della ong tedesca Sea Eye che si trovano da 11 giorni in acque internazionali senza un porto, saranno ridistribuiti tra Germania, Francia, Portogallo e Lussemburgo, secondo quanto annuncia il governo di Malta. «Ottime notizie!» è il commento del vicepremier Matteo Salvini, «Come promesso, nessun immigrato a bordo della nave Alan Kurdi arriverà in Italia. Verranno trasferiti in altre nazioni europee, a partire dalla Germania che è il paese di quella ong».

La nave era rimasta al largo di Malta in attesa dell’assegnazione di un porto sicuro per le persone soccorse al largo della Libia lo scorso 3 aprile. L’imbarcazione, che porta il nome del bimbo curdo siriano trovato morto sulla spiaggia di Bodrum, in Turchia è, al momento, l’unica imbarcazione umanitaria nel Mediterraneo Centrale.

Alan Kurdi: i 64 migranti redistribuiti tra Germania, Francia, Portogallo e Lussemburgo foto 1
I migranti soccorsi dalla Alan Kurdi il 3 aprile 2019

L’11 aprile, una donna incinta che si trovava sulla nave ha avuto una crisi epilettica ed è stata evacuata con una motovedetta: a bordo restano quindi 62 migranti, e le 17 persone componenti l’equipaggio. Un’altra donna era stata fatta sbarcare lo stesso giorno.