Fondi russi alla Lega, Salvini non va alla Camera: il Pd Romano glielo chiede in russo – Il video

Anche Matteo Renzi aveva lanciato la stessa gag. Dal teatro Elfo Puccini aveva detto: «Tovarish Salvini, Glasnost»

«Collega lei deve parlare in italiano come ben sa». «Collega lei deve parlare in italiano se no devo toglierle la parola». «Collega le tolgo la parola». Non sono serviti a niente gli avvisi di Maria Edera Spadoni, vicepresidente della Camera. Andrea Romano, deputato Pd eletto nel collegio uninominale di Livorno, ha continuato il suo intervento. In russo.

Romano ha poi rivendicato il suo discorso su Twitter, dove ha scritto: «Visto che #Salvini fa finta di niente, oggi gli abbiamo chiesto in russo di venire in Parlamento per dire tutta la verità sui rapporti tra #Lega e #Putin. Chissà che stavolta non capisca… #altotradimento #BuzzFeed #LegaRublona». Non passa inosservato l’hashtag che chiude il commento.

Anche Matteo Renzi, nel suo ultimo incontro al teatro Elfo Puccini di Milano aveva lanciato la stessa gag, chiedendo al ministro dell’Interno: «Tovarish Salvini, Glasnost». «Compagno Salvini, Trasparenza»

Romano è al suo secondo mandato come deputato. Nel marzo 2013 è stato eletto tra le fila di Scelta Civica per l’Italia, il partito fondato dall’allora presidente del Consiglio uscente Mario Monti. La sua carriera politica è iniziata nel 1994, come militante del Pds, nel 2009 è passato a Italia Futura, il progetto politico di Luca Cordero di Montezemolo, quindi a Scelta Civica e infine nel 2014 al Partito Democratico. Attualmente è il direttore di Democratica.

Foto Copertina: Ansa | Andrea Romano in una foto dell’aprile 2018

Leggi anche: