Coronavirus, la F1 non si ferma. Hamilton furioso, Vettel: «Pronti a tirare il freno a mano»

Lo sfogo del pluricampione del mondo davanti ai giornalisti arrivati a Melbourne per il Gp d’Australia

Si stanno fermando praticamente tutti nel mondo dello sport per la pandemia di Coronavirus, a cominciare dalla serie A in Italia e l’Nba negli Stati Uniti. Congelato anche il Mondiale di Motogp, ma la Formula 1 sembra non volerne sapere. Un atteggiamento che ha fatto saltare i nervi a Lewis Hamilton della Mercedes, in piena conferenza stampa per il Gp d’Australia: «Per me è scioccante il fatto che siamo tutti seduti in questa stanza. La Nba si è fermata, la F1 continua ad andare avanti. Il denaro è re». E l’attacco del sette volte campione del mondo ha trovato subito il sostegno dei piloti.


Lo sfogo di Lewis

A Melbourne sembra non siano state prese particolari misure di prevenzione, con tanto di tifosi che affollano il circuito: «Sono molto, molto sorpreso dal vederci tutti qui – ha rintuzzato Hamilton – è bello poter gareggiare, ma per me è scioccante stare qui. Ci sono molti fan in pista già oggi. Sembra che il resto del mondo stia reagendo, probabilmente un po’ in ritardo, stamattina abbiamo sentito Trump chiudere i confini dall’Europa agli Stati Uniti».

«Io posso solo invitare tutti a osservare le maggiori precauzioni possibili – ha aggiunto – cosa che non ho visto fare arrivando in pista: sembrava una giornata normale, spero solo che dopo il weekend non arrivino brutte notizie».

I piloti della F1 ora sono pronti a «tirare il freno a mano» in Australia se la situazione legata all’epidemia di coronavirus dovesse peggiorare. Il primo a fare eco ad Hamilton è il tedesco Sebastian Vettel: «Spero che altri siano d’accordo, e speriamo che non si arrivi a questo, ma se dovesse succedere sicuramente tirerei il freno a mano. Siamo un gruppo di 20 piloti, ci siamo riuniti negli ultimi anni per varie circostanze – ha sottolineato il pilota della Ferari – e penso che avremo una opinione comune su grandi decisioni come questa. Credo che saremmo abbastanza maturi per prenderci cura di noi stessi e “tirare il freno a mano”».

Il parere degli esperti:

Leggi anche: