Coronavirus, i dati della Protezione civile: quasi 15mila persone attualmente positive. 250 decessi in 24 ore. Picco di ricoveri in terapia intensiva

Quasi 100mila test effettuati in tutta Italia. +2547 pazienti positivi riscontrati nelle ultime 24 ore, +175 pazienti in terapia intensiva, +181 dimessi in un giorno. Iss: «I pazienti morti hanno una media di 80,3 anni. 3/4 sono uomini»

Il bollettino del 13 marzo

Il capo della Protezione Civile Angelo Borrelli ha comunicato i nuovi dati, aggiornati al 13 marzo, sulla progressione dell’epidemia da coronavirus in Italia. Complessivamente il numero di casi totali di contagio è di 17.660 persone. Un numero che include le 14.955 persone attualmente positive, i 1.439 pazienti guariti e le 1.266 persone decedute. Scendendo nel dettaglio attualmente sono 7.426 le persone ricoverate negli ospedali italiani con sintomatologia SARS-CoV-2 correlata, 1.328 i pazienti in terapia intensiva, 6.201 quelli in isolamento domiciliare.

Aumenta il numero dei pazienti guariti rispetto a ieri, per un totale di 1.439 dall’inizio della pandemia, così come aumenta il numero di vittime, per un totale di 1.266 persone decedute. Aumenta altresì il numero di tamponi effettuati in tutta Italia: complessivamente son stati eseguiti 97.488 test. 

I pazienti attualmente positivi regione per regione

Secondo i dati ufficiali della Protezione Civile, il numero di persone attualmente positive al SARS-CoV-2 risulta così ripartito di regione in regione:

Per quanto concerne il numero delle vittime, se ne contano 890 in Lombardia (+146), 201 in Emilia Romagna, (+55), 42 in Veneto (+10), 46 in Piemonte (+20), 27 nelle Marche (+5), 5 in Toscana (+0), 17 in Liguria (+6), 2 in Campania (+1), 11 Lazio (+2), 10 in Friuli Venezia Giulia (+2), 5 in Puglia (+0), 2 in provincia di Bolzano (+1), 2 in Sicilia (+0), 2 in Abruzzo (+0), uno in Umbria (+1) uno in Valle d’Aosta (+0), 2 in Trentino-Alto Adige (+1).

Brusaferro (Iss): «I pazienti morti hanno una media di 80,3 anni. 3/4 sono uomini»

ANSA/ALESSANDRO DI MEO | Il presidente dell’Iss Silvio Brusaferro

Silvio Brusaferro, presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, durante la conferenza stampa ha evidenziato come «i dati sulla mortalità si vanno approfondendo con le cartelle cliniche dei deceduti: i pazienti morti con il coronavirus hanno una media di oltre 80 anni, 80,3; le donne sono il 25,8%. Età media dei deceduti è molto più alta degli altri positivi. Il picco di mortalità c’è tra 80-89 anni. La letalità, ossia il numero di morti tra gli ammalati, è più elevata tra gli over 80».

Il direttore dell’Iss ha poi annunciato che in questo fine settimana possa essere «verosimile aspettarsi nuovi casi in parte come effetto dei comportamenti assunti lo scorso fine settimana». «L’incubazione è tra 4 e 7 giorni: abbiamo visto folle assembrate al mare o in stazioni sciistiche o in mega aperitivi, luoghi dove probabilmente il virus ha circolato. Una parte di quelle persone nei prossimi giorni probabilmente mostrerà una sintomatologia. È un’ipotesi – ha sottolineato il presidente dell’Iss – vedremo le curve, speriamo di essere smentiti dai fatti».

Brusaferro (Iss): «Importante non interrompere le donazioni di sangue»

«Ci troviamo di fronte ad una crisi globale, nessun paese può considerarsi esente, indipendentemente dal numero di casi e una crisi globale significa che l’unico modo per affrontarla è condividere i dati, per adattarli ai diversi contesti», ha proseguito il dottor Brusaferro. Circa l’utilizzo sperimentale del farmaco utilizzato per i casi di artrite reumatoide, Brusaferro ha annunciato che: «In queste ore Aifa ha riunito il comitato tecnico scientifico, si stanno analizzando le evidenze disponibili rispetto ai principi attivi e credo stia deliberando la possibilità di avviare una sperimentazione per meglio comprendere».

Il dottor Brusaferro ha inoltre sottolineato come sia «importante proseguire con le donazioni di sangue». «In questa fase – ha puntualizzato Brusaferro – è importante che non si interrompano le donazioni, vorrei fare un appello a tutti i donatori, alle persone generose. È una pratica importante». 

I contagi (totali) provincia per provincia

Il parere degli esperti

Leggi anche: