Coronavirus, il 18 maggio la data cruciale per la scuola: ipotesi “tutti ammessi” alla maturità (con colloquio online). Esame light in terza media

Le proposte sono contenuto in una bozza ancora non definitiva che dovrebbe essere discussa nel Consiglio dei ministri di domani

Nelle ultime ore la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina aveva annunciato «a breve» un piano «che possa guidare la Scuola nella prosecuzione di questo anno scolastico e guardando al prossimo». Secondo le ultime indiscrezioni bisognerà aspettare almeno fino al Consiglio dei ministri di domani per capire cosa sarà dell’anno scolastico in emergenza Coronavirus. Ma per il momento c’è già una data che farà da spartiacque: il 18 maggio.

Ieri il Presidente del Consiglio Conte ha annunciato la proroga della chiusura delle attività. La battaglia contro il…

Gepostet von Lucia Azzolina am Donnerstag, 2. April 2020

Recupero corsi e commissioni interne. Oppure maturità online

Stando a una bozza, ancora non definitiva, che dovrebbe essere discussa nel prossimo Cdm, se l’emergenza sanitaria si attenuerà in tempo per consentire una ripresa della attività didattica a scuola entro il 18 maggio, gli esami verrano svolti con la regolare presenza dagli studenti. La didattica che è stata saltata verrebbe recuperata dopo il 1 settembre 2020 – uno scenario che apre alla possibilità di passare all’anno successivo con debito – tranne che per gli studenti che si apprestano ad affrontare la maturità.

Maturità

Per quanto riguarda la maturità, la seconda prova verrebbe sostituita con una prova della singola commissione di esame che, come preannunciato, in tal caso sarebbe composta esclusivamente di membri del corpo docenti della scuola, tenendo conto soltanto del lavoro effettivamente svolto durante l’anno. Nel caso invece in cui le scuole non dovessero riprendere entro il 18 maggio o per ragioni sanitarie non possano svolgersi esami “in presenza”, la maturità si svolgerà per via telematica. L’esame consisterà in un unico colloquio, in cui si terrebbe conto anche delle esperienze maturate nei percorsi dagli studenti e le loro “competenze trasversali”.

Esame di terza media

Per quanto riguarda l’esame di terza media invece potrebbe essere sostituito da una semplice valutazione finale da parte del consiglio di classe. Per la terza media comunque è prevista una prova “alleggerita”, grazie all’eliminazione di una o più prove, anche nel caso in cui le scuole dovessero riaprire entro il 18 maggio.

Il parere degli esperti

Leggi anche: