Spostamenti tra Comuni sotto i 10 mila abitanti a Natale, il Senato dà via libera: sarà il governo a decidere

di Redazione

In caso di nuove restrizioni la mozione prevede ristori per i commercianti, proporzionati alle perdite di fatturato. Domani atteso il voto alla Camera

Passa al Senato la mozione della maggioranza di governo sugli spostamenti tra piccoli Comuni per i giorni festivi di Natale, come ipotizzato da giorni sulle prossime misure da correggere nel nuovo Dpcm. La maggioranza ha invitato il governo a «rivalutare le misure anti-Covid con un particolare riferimento agli spostamenti del 25-26 dicembre e 1° gennaio». L’indicazione è di permettere gli spostamenti nei giorni festivi «sulla base della più rigorosa analisi delle evidenze scientifiche e garantendo massima equità di trattamento tra cittadini residenti in comuni di diverse dimensioni».


La mozione del Pd

La mozione presentata dal Pd indica di concedere libertà di muoversi fuori dai comuni al di sotto dei 10 mila abitanti. Come chiesto da Italia Viva, la mozione di maggioranza prevede che in caso di «nuove restrizioni, ci siano misure di ristoro proporzionate alle perdite di fatturato» anche per chi ora è aperto. «Un nostro grande successo» hanno detto fonti del partito di Renzi, riferendosi proprio all’inserimento dei ristori immediati nella mozione. Il documento è stato approvato con 140 voti favorevoli, 118 no e 5 astenuti. Respinta la mozione dell’opposizione.


Da sapere:

Leggi anche: