Coronavirus, l’Esercito porta via da Bergamo le bare delle vittime. Di nuovo – Il video

Era già successo il 18 marzo: un nuovo, drammatico corteo dei mezzi militari dal cimitero monumentale

Era già successo nei giorni scorsi, succede di nuovo: un corteo di mezzi militari che trasporta le bare di chi è morto con il coronavirus. È l’immagine più cruda di questa emergenza: dal cimitero monumentale – che non ha più posto – di Bergamo, la città più colpita da questa ecatombe, diretti ad altri cimiteri del nord Italia. Per l’eterno riposo e la cremazione.


Sono una settantina i feretri che in mattinata sono stati caricati sui camion dell’esercito e trasferiti dal cimitero di Bergamo in altre zone del Nord, in particolare in Emilia Romagna per la cremazione. Un nuovo, drammatico corteo dei mezzi militari che trasportano le bare di persone per le quali non è nemmeno stato possibile organizzare un funerale. Perché i funerali, per combattere l’epidemia, in Italia oggi sono vietati.

Cinquanta feretri sono arrivati a Ferrara intorno alle 14, su convogli scortati dai carabinieri del radiomobile dal casello autostradale. I feretri saranno distribuiti tra la Certosa di Ferrara e il cimitero di Copparo.

Video Twitter Roberto Massidda su Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

In copertina ANSA / Filippo Venezia | Mezzi militari portano visa i feretri dal cimitero di Bergamo, 21marzo 2020.


Il parere degli esperti:

Leggi anche: