Il Papa in aiuto di una comunità di trans, a rischio povertà con l’emergenza Coronavirus. Interviene l’elemosiniere Krajewski

«Si tratta di persone molto sole, con storie di solitudine alle spalle, le famiglie lontane. C’è una di loro che ha iniziato a lavorare in strada a 14 anni. Da allora sono passati trent’anni» ha spiegato il parroco di Torvaianica

Un gruppo di transessuali latino-americani, residenti a Torvaianica, nel litorale romano, chiede aiuto a Papa Francesco e lui, senza perdere un attimo di tempo, risponde mandando l’Elemosiniere Konrad Krajewski. Tutto è cominciato quando nel pieno dell’emergenza sanitaria del Coronavirus «sono arrivate in chiesa un gruppo di trans che chiedevano aiuti perché con il Covid-19 non avevano più clienti sulla strada», racconta don Andrea Conocchia, parroco di Torvaianica, all’Adnkronos. Una comunità che si divide le spese di affitto e chi si aiuta come meglio può ma che adesso è davvero allo stremo.

«Vogliono molto bene a Beroglio, hanno anche fede. Sono rimasto commosso per l’immagine di una di loro che si è messa a pregare in ginocchio davanti alla Vergine. Qualcuno mi ha anche chiesto di benedire oggetti cari. Si tratta di persone molto sole, con storie di solitudine alle spalle, le famiglie lontane. C’è una di loro che ha iniziato a lavorare in strada a 14 anni. Da allora sono passati trent’anni» ha aggiunto il parroco.

Don Andrea, però, non riesce ad aiutare tutti: a Torvaianica sono diverse le famiglie messe in ginocchio dall’emergenza sanitaria. Da qui la decisione della comunità trans, composta da una ventina di persone, di appellarsi direttamente al Papa che, tramite l’Elemosiniere, ha portato gli aiuti richiesti.

La loro risposta non si è fatta attendere: hanno già fatto pervenire a Bergoglio, tramite il cardinale Krajewski, un audio in cui lo ringraziano sentitamente per il gesto compiuto. «Molte grazie a Papa Francesco», «Che Dio la benedica, grazie per tutto» e «Mille benedizioni. Che la Vergine ti protegga» dicono, in spagnolo.

Foto in copertina da Ansa

Il parere degli esperti:

Leggi anche: