Galli: «Con questi numeri in Italia e all’estero ora serve cautela, non possiamo stare tranquilli». Lopalco eletto? «Gli auguro buon lavoro»

«Dobbiamo tener conto di quello che accade intorno a noi, all’estero. Intanto fra 10-15 giorni avremo delle indicazioni per valutare l’effetto della ripresa. Non solo le scuole, dunque, ma anche gli arrivi dall’estero» ha spiegato

Non abbassare la guardia. La situazione in Italia «non permette di stare tranquilli», spiega all’Adnkronos Salute Massimo Galli, primario infettivologo dell’ospedale Sacco-Università degli studi di Milano secondo cui non avremo comunque «un quadro paragonabile a quello di marzo-aprile». Gli ultimi dati forniti dalla Protezione civile non sono confortanti: ieri, 21 settembre, +1.350 casi di Coronavirus in tutta Italia, in calo rispetto a quelli del giorno precedente, ma con 28mila tamponi in meno. Da 83mila a 55mila tamponi.


Attenzione alle scuole e agli arrivi dall’estero

«Con questi numeri la cautela s’impone anche perché dobbiamo tener conto di quello che accade intorno a noi, all’estero. Intanto fra 10-15 giorni avremo delle indicazioni per valutare l’effetto della ripresa. Non solo le scuole, dunque, ma anche gli arrivi dall’estero. Situazioni che meritano attenzione» aggiunge.

Gli auguri a Lopalco

E infine «augura un buon lavoro» a Pierluigi Lopalco, appena eletto nel Consiglio regionale pugliese con la vittoria di Michele Emiliano, che punta a nominarlo assessore regionale alla sanità. «La sua non era sfida facile, non era facile trasformare un professore di università in una star di preferenze. La competenza e serietà di Pierluigi hanno avuto un peso» ha detto il governatore della Regione Puglia.

Foto in copertina: ANSA/ANDREA CANALI

Leggi anche: