Fondazione Cariplo lancia un programma di finanziamento in collaborazione con le comunità locali

La scorsa primavera, l’attivazione dei fondi locali generò risorse per 60 milioni di euro. L’obiettivo è attivare un meccanismo simile

Contrastare la povertà, sostenendo le iniziative locali e i progetti capaci di riattivare l’economia territoriale. Con questa idea Fondazione Cariplo ha deciso di lanciare un nuovo progetto di finanziamento, in collaborazione con le fondazioni di comunità. Ciascuna di queste istituirà un Fondo povertà che potrà essere implementato con proprie risorse  e con donazioni raccolte dal territorio, coinvolgendo la comunità di riferimento. Tali Fondi  saranno utilizzati per far fronte a necessità e urgenze del territorio sostenendo reti già esistenti  e per attivare collaborazioni in modo da affrontare il problema povertà in  modo integrato e coordinato, evitando sovrapposizioni.


Durante la prima ondata di pandemia da Coronavirus, l’innesco di fondi locali generò risorse per oltre 60 milioni di euro utilizzati per le necessità impellenti in quelle settimane. Ora l’emergenza riguarda direttamente persone e famiglie in difficoltà, e Fondazione Cariplo propone alle  comunità locali di lavorare nuovamente insieme. Questa iniziativa si unisce a quelle già attive: il progetto Qu.Bì per il contrasto alla povertà di 20 mila minori a Milano,  l’iniziativa Doniamo Energia realizzata in collaborazione con A2A, e il progetto nazionale di  contrasto alla povertà educativa realizzato con l’impresa sociale Con i Bambini e le altre Fondazioni di Origine Bancaria, oggi Fondazione Cariplo.

Per l’attivazione di questa nuova iniziativa, la Fondazione si è impegnata a  mettere a disposizione, complessivamente, 1.300.000 euro, a cui si aggiungono 300.000 euro di Fondazione Peppino Vismara.  «Contrastare la povertà è una priorità attorno alla quale dobbiamo unire le forze per  costruire le condizioni del nostro futuro», ha spiegato il presidente di Fondazione Cariplo Giovanni Fosti.  

Leggi anche: