Il progetto Fact-checking di Open

di OPEN

Fact-checking di Open è un progetto giornalistico indipendente che mira a monitorare le notizie false o fuorvianti diffuse in Italia e all’estero, fornendo un servizio di corretta informazione e degli strumenti necessari ai cittadini per imparare a riconoscere le bufale, la disinformazione, la misinformazione e tutte le altre falsità che minano la società e il processo democratico.

Metodologia

Ci occupiamo in particolar modo delle attività dannose diffuse tramite i social network, dalle più banali a quelle più complesse.

Selezioniamo i contenuti da esaminare in base alle segnalazioni dei lettori e in base a ciò che viene trattato nel dibattito pubblico indifferentemente dalla loro importanza.

La verifica dei fatti viene svolta con gli stessi criteri per ogni segnalazione, solo prove determinano le conclusioni dell’analisi.

Forniamo sempre le fonti affinché chiunque possa replicare il nostro lavoro e possa eventualmente fornirci consigli o segnalarci correzioni.

Offriamo la spiegazione più semplice possibile affinché i lettori imparino da soli a verificare in futuro le notizie.

L’impegno è costante, limitato dalle risorse disponibili e il personale impiegato per le analisi. Per temi specifici, quali ad esempio la medicina, cerchiamo di contattare persone e organizzazioni competenti per fornire al lettore un’informazione accurata e professionale.

Il nostro valore è la neutralità

Fact-checking di Open è un progetto giornalistico indipendente, la neutralità e l’imparzialità sono un valore fondamentale per i membri del team. Laddove ci sia una falsità la trattiamo, indipendentemente dalla fonte che la diffonde, impegnandoci a fornire un’informazione accurata ed equilibrata senza essere coinvolti da influenze politiche, commerciali o economiche.

Ogni membro del team ha le proprie idee, politiche o religiose, ma siamo un progetto di verifica basato sui fatti e non sulle opinioni, consapevoli che le falsità possano essere predominanti da una parte o l’altra del mondo politico a seconda di chi detiene il potere presso il Parlamento e il Governo italiano. Chiediamo ai lettori di aiutarci segnalando possibili affermazioni false che non sono pervenute in redazione.

Siamo trasparenti sulle nostre fonti di finanziamento. Nel caso di finanziamenti da parte di terzi il team garantisce di non farsi influenzare sui temi che potrebbero riguardare o interessare i finanziatori.

Contattaci per contrastare le notizie false

Hai dubbi su una notizia, una fotografia o sulle dichiarazioni di un politico? Inviaci la tua segnalazione, contattaci all’indirizzo debunking@open.online.

Aggiornamenti e correzioni

Hai notato un errore nei nostri articoli? Non pretendiamo di essere perfetti e non ci riteniamo tali, per questo abbiamo bisogno anche del tuo aiuto. Inviaci una email a redazione@open.online.

Le segnalazioni e le richieste di correzioni devono essere motivate e precise, fornendo fonti aperte e disponibili a tutti.

La conclusione delle verifiche attraverso le fonti aperte disponibili fanno fede alla data di pubblicazione dell’articolo. In caso di diffusione di nuove fonti aperte che confermano o smentiscono le verifiche effettuate verranno segnalate nell’articolo attraverso un aggiornamento o rettifica. L’articolo manterrà la data di pubblicazione iniziale e la data dell’ultimo aggiornamento.

Indichiamo qualsiasi modifica attraverso un aggiornamento a fine articolo. In caso di rettifica verrà riportato un breve avviso nelle prime righe che rimanda all’aggiornamento alla fine dell’articolo.

I membri del team

Juanne Pili. Giornalista, dal 2015 si occupa di fact-checking. Dopo una prima collaborazione con Bufale.net ha curato la rubrica delle bufale scientifiche su Fanpage.it.

David Puente. Laureato in Scienze e Tecnologie Multimediali, ha operato come fact-checker prima per Bufale.net e poi come indipendente tramite il suo blog personale. È responsabile del progetto Fact-checking di Open.online.