La capitana alla foto segnaletica: ecco quale sarà la sua strategia difensiva

L’avvocato della ong Sea Watch dirà che la capitana non aveva intenzione di speronare la Gdf e cercherà di dimostrare che la motovedetta dei finanzieri non può essere considerata nave da guerra. L’interrogatorio di convalida atteso per domani o martedì

[Aggiornamento del 1 luglio 2019: avendo notato che l’immagine di Carola Rackete mentre viene fotosegnalata viola il suo diritto alla privacy, in particolare come persona sottoposta a procedimento giudiziario, abbiamo scelto di rimuovere l’immagine]

Carola Rackete è ai domiciliari in un luogo protetto sull’isola di Lampedusa. La capitana della Sea Watch ha violato i blocchi imposti da Matteo Salvini e respinto i tentativi della Guardia di Finanza di fermare l’attracco, avvenuto ieri dopo 17 giorni in mare.

Le accuse nei suoi confronti sono di tentato naufragio e resistenza o violenza a una nave da guerra, reati che prevedono, rispettivamente, pene massime di 12 e 10 anni (ecco cosa rischia).

L’interrogatorio di convalida dell’arresto avverrà tra domani e dopodomani (1 e 2 luglio), ma intanto si comincia a delineare la strategia difensiva, anticipata dall’avvocato della Sea Watch Salvatore Tesoriero, intervistato a Lampedusa.

«La Sea Watch non ha speronato la Gdf»

La capitana della Sea Watch è accusata di aver speronato una motovedetta della Guardia di Finanza e di averla schiacciata tra la sua imbarcazione e la banchina: «Non c’è stato alcuno speronamento ma una manovra fatta in condizione di estrema difficoltà, senza alcuna volontà di uccidere. Una manovra nella quale ci si è avvicinat fiorse un po’ troppo alla barca della Gdf ma non c’è stato alcun contatto o volontà di speronare la nave», ha spiegato il suo avvocato Tesoriero.

La motovedetta della GdF è davvero una nave da guerra?

Secondo l’ex senatore M5s Gregorio De Falco, espulso a dicembre, e volontario della nave ong Mare Jonio, la vedetta della Guardia di Finanza non può essere considerata una nave da guerra e Sea Watch non era tenuta a fermarsi all’alt, anzi.

Secondo l’ex comandante della Capitaneria di Porto, divenuto famoso per quel «Salga a bordo, ca**o» urlato all’ex comandante della Costa Concordia Schettino, «la nave da guerra è altra cosa, è una nave militare che mostra i segni della nave militare e che è comandata da un ufficiale di Marina, cosa che non è il personale della Guardia di Finanza».

Per De Falco, non ci sono gli estremi per l’arresto di Rackete perché la «Sea Watch è un’ambulanza, non è tenuta a fermarsi, è un natante con a bordo un’emergenza. La nave militare avrebbe dovuto anzi scortarla a terra».

Il secondo punto della strategia difensiva adottata dall’avvocato della Sea Watch verterà proprio su questo punto: «Ci sono delle interpretazioni che la motovedetta della Guardia di Finanza non possa essere considerata una nave da guerra, questa è una delle possibilità», ha detto Tesoriero.

Gara di solidarietà in Germania

Dopo i 300mila euro raccolti dalla rete antifascista in Italia, altri 300mila sono stati raccolti in Germania dopo che una star della tv tedesca ha lanciato un appello in favore della capitana.

Leggi anche: