Emma Marrone e quella lunga lotta contro il tumore iniziata 10 anni fa

Due operazioni, la vittoria di Sanremo e il ritorno ad Amici. Ora Emma lancia una promessa: «Chiudo una volta per tutte i conti con questa storia»

Ieri, l’annuncio attraverso la sua pagina Instagram: «Mi devo fermare per un problema di salute». Emma Marrone ha scelto la chiarezza e la semplicità di una pagina social per comunicare ai fan che dovrà fare una pausa, non si sa per quanto, per affrontare una malattia. Lei, che per anni non ha nascosto la sua battaglia contro il cancro all’utero e alle ovaie, ha deciso ancora una volta di essere il più trasparente possibile con i suoi fan.

Visualizza questo post su Instagram

Succede. Succede e basta. Questo non era proprio il momento giusto, ma in certi casi nessun momento lo sarebbe stato. Da lunedì mi devo fermare per affrontare un problema di salute. Ve lo dico personalmente per rassicurarvi e per non creare allarmismi inutili. Per questo motivo non sarò presente a Malta per il concerto di @radioitalia che ringrazio per l’immediata comprensione. Inutile dirvi l’immenso dispiacere che provo per tutti quei ragazzi che hanno speso dei soldi in voli aerei e alberghi per venire fino a Malta per sostenermi: Non avete idea di quanto mi sarebbe piaciuto essere su quel palco e cantare per tutti voi. Vi prometto che tornerò più forte di prima! Ci sono troppe cose belle da vivere insieme. Adesso chiudo i conti una volta per tutte con questa storia e poi torno da voi. Grazie e state sereni davvero… Andrà tutto bene! Emma. ❤️

Un post condiviso da Emma Marrone (@real_brown) in data:

Dieci anni fa la prima diagnosi. Aveva 24 anni, faceva la commessa a Lecce quando il suo medico la mise davanti alla diagnosi: cancro all’utero e alle ovaie. La giovane aspirante cantautrice affrontò l’operazione e poco dopo si presentò ai provini di Amici.

A quel talent dell’edizione del 2009 Emma partecipò e vinse, chiedendo alla produzione di non dire niente sulla sua malattia. Ci pensò lei poco dopo a rendere pubblico il suo vissuto: «Da quando sono scampata al male mi sento un po’ fortunata e un po’ missionaria nei confronti dei giovani. A loro dico: mi raccomando, non bisogna vergognarsi di andare dal medico».

Uscita da Amici Emma conquista il palco dell’Ariston arrivando seconda alla sua prima partecipazione a Sanremo grazie ad Arriverà, brano cantato in coppia con i Modà. È il 2011, e quello stesso anno Emma rivela al pubblico la sua storia travagliata: la diagnosi, la malattia e l’operazione. Poco dopo si trova ad affrontare una seconda operazione, inaspettata, tanto che la cantante decide di firmare per la donazione degli organi prima di entrare in sala operatoria.

Sulla sua malattia il rapporto con i fan è sempre stato schietto, soprattutto con i giovani a cui Emma manda un messaggio chiaro: fate prevenzione. «È più facile che mi troviate in un centro medico che in una Spa», rivela in modo ironico la musicista.

«La seconda operazione l’ho voluta addirittura fare da sveglia con l’epidurale – scrive il Corriere che ricorda le parole di Marrone – (la cosa più dolorosa che mi sia mai capitata, più del taglio sulla pancia), volevo capire tutto in tempo reale: così ho saputo che mi stavano esportando un ovaio con la tuba. Ora sono una splendida ragazza mono ovarica».

E subito dopo la sofferenza e l’operazione arriva un nuovo trionfo: Emma Marrone vince il festival di Sanremo nel 2012. Ancora una volta è grazie alla collaborazione con il cantante dei Modà, Kekko, autore del brano Non è l’inferno che Emma conquista il palco dell’Ariston.

Nel 2015 torna in Liguria, questa volta Carlo Conti la vuole al suo fianco. In quello stesso anno per Emma c’è un altro importante ritorno: quello ad Amici, il talent che l’aveva lanciata nel panorama musicale italiano. Maria De Filippi la vuole come direttore artistico del programma.

Un successo, quello conquistato in questi dieci anni, che l’ha vista produrre cinque album, e raggiungere una popolarità che Emma decide di utilizzare per dar voce a mille battaglie: da quella per l’accoglienza dei migranti alla difesa delle donne vittime di stalking e abusi. Poi, nella giornata del 20 settembre, l’annuncio improvviso con una promessa: «Adesso chiudo i conti una volta per tutte con questa storia e poi torno da voi. Grazie e state sereni davvero».

Leggi anche: