Coronavirus, Musumeci scoraggia i turisti padani: «Meglio se dal Nord non vengono»

Intanto, la donna catanese rientrata da Milano nei giorni prima dell’emergenza, è in isolamento insieme alla sua famiglia

Dopo la notizia di un altro caso sospetto di coronavirus a Catania, il governatore della Sicilia Nello Musumeci è intervenuto per scoraggiare gli spostamenti dalle Regioni del nord Italia verso i territori siciliani. «La Sicilia non è una terra in cui non si può sbarcare e non si può atterrare» – ha detto Musumeci fuori da palazzo Orleans a Palermo. «Però servono controlli perché non è possibile che i due casi registrati di positività al coronavirus riguardano turisti del Nord perché nella nostra isola non c’è un focolaio. Sarebbe meglio che i turisti dal Nord non venissero».

Una donna in isolamento a Catania

Una donna catanese è attualmente in isolamento: era rientrata da Milano nei giorni precedenti all’esplosione dell’emergenza in Lombardia, e la notizia della sua possibile positività al virus era stata data dall’assessore della Salute delle Regione Siciliana Ruggero Razza. «Nella serata di ieri – aveva detti Razza – è stato esaminato a Catania un caso di sospetta positività al Coronavirus, relativo ad una donna catanese rientrata da Milano nei giorni antecedenti l’inizio della emergenza lombarda. La signora è del tutto asintomatica, guarita da ogni sindrome influenzale e si trova precauzionalmente in isolamento domestico».

«Per le linee guida nazionali – aveva aggiunto- nella medesima condizione di isolamento domestico sono stati posti i due suoi familiari conviventi: anch’essi privi di qualsiasi sintomatologia. Il caso è sotto l’esame del dipartimento competente dell’Asp e del reparto di malattie infettive dell’ospedale ‘Garibaldi’ di Catania, che sono impegnati a tracciare la scheda epidemiologica». «Attenderemo, ovviamente, l’esito dell’esame dell’Istituto Superiore di Sanità cui i campioni sono stati inviati», aveva concluso, rassicurando che gli altri casi esaminati ieri, tra cui quello della paziente ricoverata al San Marco di Catania, «sono tutti negativi, e non risulta in città alcuna ulteriore criticità».

Il parere degli esperti

Leggi anche: