Coronavirus, il Banksy torinese combatte la psicosi e “maschera” il mercato di Guttuso

di OPEN

Il poster è stato affisso in alcune vie del centro, come in corso San Maurizio, vicino all’Università

Il Mercato della società nella psicosi. Lo ha chiamato così, Andrea Villa – conosciuto come il Banksy torinese -, il nuovo lavoro con cui ha tappezzato alcune vie di Torino, durante la notte. Lo street artist ha preso in prestito il celebre dipinto di Renato Guttuso, La Vucciria, che ritrae l’antico mercato di Palermo e ha messo una mascherina – simbolo della lotta al Coronavirus – a tutti i personaggi presenti nel quadro.


«Volevo rappresentare la metafora del mondo dei consumi moderno, dove il cibo strabordante, rappresenta gli eccessi dell’informazione mediatica, ed opprime in maniera malinconica gli avventori del mercato, bardati di mascherine contro il coronavirus», ha detto.

Il poster è stato affisso in alcuni luoghi del centro del capoluogo piemontese: in corso San Maurizio, all’angolo con via Giulia di Barolo. Poi in corso Regio Parco e tra corso Regina Margherita e Rondò Rivella.

Il parere degli esperti

Leggi anche: