Coronavirus, l’appello di una coppia di medici: «Solidarietà? Neanche una babysitter per i nostri figli, hanno paura del contagio»

L’appello arriva da Trieste: «È desolante, abbiamo chiesto a chiunque ma tutti hanno paura e ci dicono di no. E succede non solo a noi ma anche a tanti altri medici con figli»

«Nessuno vuole badare ai nostri figli, le babysitter che abbiamo contattato hanno paura a venire da noi perché siamo medici e, dunque, potenziali untori. Sì, così ci chiamano: untori». Sono disperati, Francesco e Adriana (nomi di fantasia, nel rispetto della loro richiesta di anonimato, ndr), hanno bisogno di una babysitter che possa prendersi cura dei loro figli. Un maschietto e una femminuccia, di 1 e 3 anni. Loro sono due giovani medici e, nel periodo in cui tutti gli asili, così come scuole e università, sono stati chiusi per l’emergenza Coronavirus, non sanno a chi lasciarli, soprattutto se, come in questo caso, «non hanno nemmeno i nonni nella stessa città».

«Ci sentiamo soli»

L’appello arriva da Trieste: «È desolante, ho chiesto ovunque, anche ad amici e conoscenti ma tutti hanno paura. Ci sentiamo soli, emarginati e come noi, è giusto che si sappia, ci sono tanti altri medici. Tutti nella stessa condizione, con figli a casa a cui nessuno vuole badare. La nostra colpa? Lavorare in ospedale».

«A cosa serve la solidarietà e i “grazie” a medici e infermieri se poi di fatto veniamo lasciati da soli? Il sostegno sui social è vigliacco e bugiardo», aggiunge Adriana che in questi giorni è rimasta a casa mentre il marito è andato a lavorare regolarmente. Ma è corsa contro il tempo: «Tra qualche giorno aspetto la chiamata dell’ospedale in cui ho vinto il concorso. A quel punto come farò? A chi lascerò i miei figli?».

Come aiutarli

La coppia di medici ha bisogno di una babysitter a tempo pieno che possa occuparsi, a Trieste, dei loro figli, di 1 e 3 anni. Per aiutarli scriveteci ([email protected]), sarà nostra premura inoltrare le vostre e-mail alla coppia di medici.

Open vi aveva già chiesto aiuto per un medico cacciato di casa a Bologna per paura del coronavirus. Siamo felici di annunciarvi che il giovane ha trovato un appartamento e che, dopo la pubblicazione del nostro appello, sono arrivate decine di email che, riportiamo testualmente le sue parole, «gli hanno ridato fiducia nell’umanità».

Foto in copertina da Pixabay

Il parere degli esperti:

Leggi anche: