Coronavirus, Gori: «Per ogni deceduto per Covid ce ne sono tre che muoiono in casa di polmonite e senza test»

«I numeri – è l’allarme di Gori – sono la rappresentazione della capacità di fare diagnosi e cura, ma non della effettiva diffusione della malattia che è molto superiore»

Il sindaco di Bergamo, Giorgio Gori, durante una videochiamata con il sindaco di Bari e presidente dell’Anci, Antonio Decaro, ha lanciato un drammatico allarme: «Oggi qui non siamo in grado di portare tutti in ospedale e quindi succede che molte persone muoiono a casa, molte più di quante vengano contabilizzate ogni giorno per il virus». «Ho fatto una ricerca – dice il sindaco di Bergamo – mettendo insieme il dato del mio Comune e di altri 12 con i dati dell’anagrafe sui morti e il rapporto è di quattro a uno: per ogni persona che risulta deceduta con diagnosi di Coronavirus ce ne sono altre tre per le quali questo non è accertato ma che muoiono di polmonite».

«I numeri – aggiunge Gori – sono la rappresentazione della capacità di fare diagnosi e cura, ma non della effettiva diffusione della malattia che è molto superiore. Si dice che in provincia Bergamo ci sono 6216 contagiati, ma sono soltanto gli ammalati in gravi condizioni che arrivano in ospedale a cui viene fatto il tampone, se però avete sintomi ma respirate i medici dicono di stare a casa, nessuno vi fa il tampone e non entrate nelle statistiche».

«Le misure che coinvolgono i cittadini siano prese sul serio – si è augurato ancora il primo cittadino – Il fatto che lì non ci siano centinaia di morti tutti i giorni non è una buona ragione per andarsene a spasso e prendere le cose alla leggera». «Noi – ha continuato Gori – paghiamo di aver pensato che si potesse vivere normalmente ancora a inizio marzo, e invece questa cosa non si poteva fare e non si può fare a Bari, Palermo e Roma se si vuole che questa cosa si fermi».

«Auguro a tutti gli amici che vivono fuori da questa regione – ha aggiunto – di non dover affrontare una prova dura come quella che sta toccando a noi. Però è giusto essere preparati e per questo il governo ieri ha preso la decisione più difficile che è quella di fermare gran parte delle attività produttive non solo per la Lombardia».

Il parere degli esperti

Leggi anche: