Coronavirus. Ripartenza per macroaree, bar e ristoranti riaperti dal 4 maggio – Le ipotesi sul tavolo per la fase due

Dal 4 maggio potrebbero riaprire anche i parchi, mentre già da fine mese settore automobilistico, aziende della moda, mobilifici e cantieri

Che la ripartenza sarà graduale è ormai certo, ma la gradualità potrebbe essere addirittura regionale. Sul tavolo della task force, che sta lavorando alla fase due dell’emergenza Coronavirus in Italia, c’è l’ipotesi di organizzare le aperture per macroaree, a seconda della diffusione del contagio. Questa strategia, secondo quanto riporta l’agenzia di stampa Ansa, potrebbe prevedere un monitoraggio per 15 giorni, che servirà per decidere nuove chiusure oppure altre riaperture. Dunque, almeno fino all’arrivo del vaccino, dovremo abituarci a un andamento altalenante tra allentamento di misure e nuove restrizioni, in base alla curva dell’epidemia.

Auto, moda e cantieri i primi a ripartire?

I primi a ripartire dovrebbero essere: settore automobilistico, aziende della moda, mobilifici e cantieri che potrebbero riaprire già dal 27, anticipazione comparsa anche stamattina sui principali quotidiani. Mentre a partire dal 4 maggio, data indicata come termine dell’ultimo lockdown deciso dal governo, dovrebbero riaprire anche parchi, bar e ristoranti. Questi ultimi dovranno rispettare però una serie di limitazione per poter riaprire le porte: distanziamento tra clienti, divieto di assembramento, anche il personale dovrebbe indossare guanti e mascherine per poter servire.

Dpi che saranno obbligatori anche nei parchi, dove le persone dovranno comunque rispettare la distanza di sicurezza. Mentre la chiusura dei confini regionali potrebbe rimanere anche dopo il 4 maggio e durare almeno altre due settimane, secondo quanto riporta la Repubblica. Al momento si tratta di ipotesi, come sottolineano anche fonti di Palazzo Chigi che ricordano come non ci sia ancora nessuna data certa sulle riaperture. Le decisioni sull’allentamento del lockdown saranno comunicate dopo la conclusioni dei lavori della task force.

Il parere degli esperti:

Leggi anche: