Renzi a Conte: «Nomini subito Gino Strada commissario e lo accompagni in Calabria. Ci vuole un uomo vero, un dottore vero, un italiano vero»

Anche il leader di Italia viva spinge per la nomina del fondatore di Emergency perché gestisca la sanità calabrese ancora commissariata. L’invito a Conte arriva il giorno dopo il comunicato dello stesso Gino Strada che ancora aspetta un segnale dal governo

Sul caso Gino Strada, sollevato ieri sera dallo stesso fondatore di Emergency, che ha rivelato di essere stato contattato da Palazzo Chigi per un ruolo di guida sulla disastrata sanità calabrese ben prima della pandemia di Coronavirus, di aver dato la sua disponibilità, ma di non aver più sentito nessuno, interviene uno dei soci della maggioranza, il leader di Italia Viva Matteo Renzi, per chiedere uno strappo di Conte a favore di Strada, oggi stesso.


Ho imparato a conoscere Gino Strada quando lessi un suo libro, giovane studente. L’ho incontrato personalmente da sindaco: l’ho ascoltato, ci ho discusso, l’ho criticato su alcune cose, mi ha fatto emozionare su altre. È un uomo vero. Un dottore vero. Un italiano vero. Se davvero è disponibile a fare il commissario per la sanità in Calabria, il Presidente del Consiglio e il Ministro della Sanità possono fare una sola cosa per rimediare al pasticcio Cotticelli-Zuccatelli: firmare oggi stesso la nomina di Gino Strada a commissario per la sanità in Calabria. Accompagnarlo fisicamente a Catanzaro. E dargli tutti i poteri. La sanità calabrese è in condizioni che non si possono raccontare: dare carta bianca a Gino Strada non è la soluzione. Ma è un ottimo inizio. Perché Strada è un uomo che non guarda in faccia nessuno: guarda negli occhi tutti, ma non guarda in faccia nessuno. E per la Calabria c’è bisogno di una persona così. Subito

Leggi anche: