Italia in zona arancione? Salvini: «Basta con gli allarmismi. Intervenire solo nelle aree a rischio»

I governatori chiedono un «cambio di passo» ma il leader della Lega non vuole chiudere di nuovo tutto il Paese

«Zona arancione in tutta Italia? Basta con gli annunci». Così il leader della Lega Matteo Salvini commenta le notizie di stamattina, 20 febbraio, sulla possibilità che tutto il Paese passi «in fascia arancione per qualche settimana in modo da arginare le varianti» del Coronavirus, secondo quanto riportato dal Corriere della Sera. I governatori infatti chiedono un «cambio di passo» per evitare «continue aperture e chiusure che disorientano i cittadini e penalizzano i titolari delle attività», dopo l’allarme degli scienziati di ieri a seguito del monitoraggio. «Le varianti potrebbero far impennare il numero dei contagi, rimanete a casa». La cosa potrebbe concretizzarsi in un documento che verrà sottoposto a Mario Draghi e ai ministri della Salute Roberto Speranza e degli Affari Regionali Mariastella Gelmini.


«Gli allarmi e le paure preventive hanno caratterizzato gli ultimi mesi, se ci sono zone più a rischio si intervenga in modo rapido e circoscritto, si acceleri sul piano vaccinale ma non si getti nel panico l’intero Paese», ha scritto l’ex titolare dell’Interno in un post su Facebook. E ha poi aggiunto: «Il diritto alla salute viene prima di tutto e rispettiamo le indicazioni della comunità scientifica, non le anticipazioni a mezzo stampa di lockdown ingiustificati e generalizzati».

Da sapere:

Leggi anche: