Coronavirus, Lombardia in zona rossa fino all’11 aprile. Fontana: «Troppo alti i dati sui ricoveri»

Il presidente della Regione anticipa la notizia sulla proroga della zona rossa su tutto il territorio. Venerdì i dati definitivi dalla cabina di regia del Comitato tecnico scientifico

Ad annunciarlo è il presidente della Regione Attilio Fontana: «La Lombardia continuerà a essere zona rossa ancora per un po’». I dati sulle terapie intensive delle strutture ospedaliere al momento non incoraggiano le riaperture: 863 i ricoveri in area critica. 7.033 i pazienti nei reparti Covid. È per questo che la regione potrà rimanere in zona rossa almeno per un’altra settimana e quindi fino all’11 aprile. Tra due giorni la decisione potrà essere definitiva, quando cioè i dati del monitoraggio della cabina di regia indicheranno nel dettaglio la situazione contagi.


«Certi dati stanno migliorando, come l’indice Rt che si è abbassato in maniera considerevole, ma abbiamo ancora valutazioni negative legate a occupazione di ospedali e terapie intensive», ha spiegato il presidente Fontana. Oltre alla pressione ospedaliera, è anche il tasso di incidenza a preoccupare. Oggi la Lombardia registra 275 casi ogni 100 mila abitanti, al di sopra quindi della soglia massima consentita dei 250. «Fino a venerdì sicuramente saremo in rossa e penso che lo saremo per tutta la settimana di Pasqua. Mi auguro che, finito il periodo delle vacanze pasquali, si possa ricominciare a respirare», ha concluso il presidente.

Da sapere:

Leggi anche: