Trump: «I migranti vivono meglio nei centri di detenzione che a casa loro»

Con questa dichiarazione il presidente americano risponde ai democratici. Dopo una visita alle strutture avevano affermato che gli ospiti sono obbligati a bere dai gabinetti

Donald Trump ha affermato che i migranti vivono «molto meglio» nei centri di detenzione della polizia di frontiera che nei loro Paesi d’origine. Questo è avvenuto un giorno dopo che la sua stessa amministrazione ha riferito che in alcuni di i centri al confine con il Messico i bambini vengono privati di docce e pasti caldi e che alcune celle sono così affollate che i migranti implorano di essere liberati.

Il presidente Usa ha reagito a queste dichiarazioni con una serie di post su Twitter, in cui critica i rappresentanti democratici che, in visita alle strutture d’accoglienza pochi giorni fa, hanno raccontato che alcuni migranti erano obbligati a bere acqua dal gabinetto. Questa informazione è stata negata dalla polizia di frontiera. «Non importa che le cose abbiano un bell’aspetto: anche se sono perfette, i visitatori democratici avranno l’aria sconvolta per quanto le cose siano in un pessimo stato», ha twittato Trump.

Le dichiarazioni del Presidente giungono dopo settimane in cui i centri di detenzione vengono criticati per le condizioni in cui vivono i migranti. Solo il mese scorso, un gruppo di avvocati ha affermato che i bambini non hanno accesso al sapone o alle docce. Dopo la loro visita, i rappresentanti democratici avevano affermato invece che i migranti erano costretti a dormire sul cemento e che non era disponibile acqua corrente.

Quest’anno sono morti cinque bambini nelle strutture alla frontiera. «Se gli immigrati illegali non sono soddisfatti delle condizioni dei centri di detenzione costruiti o rinnovati in fretta, ditegli di non venire», ha scritto Trump, «tutti i problemi saranno risolti». 

Leggi anche: