Coronavirus, «non più di due passeggeri e bordo dei taxi». Consegne a domicilio sì, ma «senza contatto»: le linee guida del governo

Tra le misure, anche quelle a tutela dei lavoratori dei cantieri per il contenimento della pandemia

Se si prende un taxi, è possibile sedersi in due sul sedile posteriore, a patto che su quello del passeggero non sieda nessuno. Si venderanno meno biglietti per i mezzi pubblici, per garantire maggiore distanza di sicurezza tra i passeggeri. E i rider effettueranno le consegne senza avere contatti. Sono alcune delle novità delle linee guida emanate dal ministero dei Trasporti per limitare la diffusione del Coronavirus per la sicurezza dei lavoratori e dei viaggiatori nei settori del trasporto e della logistica. Le nuove regole sono stabilite nel protocollo siglato dal Mit con le organizzazioni di categoria e le rappresentanze sindacali.


Le linee guida

Tra le nuove misure, il documento raccomanda:

  • Distanza interpersonale di un metro per tutto il personale viaggiante così come per coloro che hanno rapporti con il pubblico.
  • Uso dei dispositivi di protezione individuale nel caso non sia possibile mantenere la distanza di un metro tra i lavoratori e con i viaggiatori
  • Informazione «sul corretto uso e gestione dei dispositivi di protezione individuale, dove previsti (mascherine, guanti, tute, etc.) e su tutte le prescrizioni adottate»
  • Sanificazione e igienizzazione dei locali di lavoro, dei mezzi di trasporto e dei mezzi di lavoro appropriate e frequenti
  • Installazione di dispenser di gel idroalcolico ad uso dei passeggeri
  • Vendita contingentea dei biglietti «in modo da osservare tra i passeggeri la distanza di almeno un metro»
  • Comunicazione a bordo dei mezzi anche mediante apposizione di cartelli che indichino le corrette modalità di comportamento.

Per l’autotrasporto merci il ministero scrive: «Se possibile, gli autisti dei mezzi di trasporto devono restare a bordo dei propri mezzi, se sprovvisti di guanti e mascherine. In tutte le situazioni in cui si renda necessario lavorare a distanza interpersonale minore di un metro, anche in ambienti all’aperto, è necessario l’uso delle mascherine».

Nelle stazioni «è obbligo dare alla clientela tutte le informazioni sulle misure di prevenzione adottate e sui percorsi da seguire all’interno delle stazioni. Per il personale è previsto l’utilizzo di dispositivi di protezione individuale, il divieto di ogni contatto ravvicinato con i clienti, il monitoraggio di security delle stazioni e dei flussi dei passeggeri, nel rispetto della distanza di sicurezza prescritta. Inoltre sono imposte restrizioni al numero massimo dei passeggeri ammessi nelle aree di attesa comuni e la sospensione fino al 3 aprile del servizio di accoglienza viaggiatori a bordo treno».

Le consegne a domicilio «espresse possono avvenire senza contatto con i riceventi. Nel caso di consegne, anche effettuate da riders, le merci possono essere consegnate senza contatto con il destinatario e senza la firma di avvenuta consegna. Ove ciò non sia possibile, si rende necessario l’utilizzo di mascherine e guanti».

Su taxi e gli Ncc «il posto del passeggero vicino al conducente va lasciato libero. Sui sedili posteriori, al fine di rispettare le distanze di sicurezza, non potranno essere trasportati più di due passeggeri. Il conducente dovrà indossare dispositivi di protezione».

Nei cantieri

Sono disponibili sul sito delle Infrastrutture e dei Trasporti anche le linee guida per i cantieri, con le quali vengono fornite indicazioni operative finalizzate a incrementare l’efficacia delle misure precauzionali di contenimento adottate per contrastare la pandemia da Covid-19. Si tratta di misure che riguardano i titolari del cantiere, tutti i subappaltatori e i subfornitori presenti in cantiere e che, si legge sul sito del ministero, sono coerenti con il protocollo sottoscritto il 14 marzo 2020 da Cgil, Cisl, Uil, Confindustria, Rete Imprese Italia, Confapi, Alleanza Cooperative.

Le linee guida illustrano le regole governative per garantire la sicurezza in un cantiere: le modalità di comportamento da tenere; le modalità di accesso dei fornitori esterni; la pulizia e sanificazione, le precauzioni igieniche personali, i dispositivi di protezione personale, la gestione degli spazi comuni, l’organizzazione del cantiere (turnazione, rimodulazione dei cronoprogramma delle lavorazioni), la gestione di una persona sintomatica, la sorveglianza sanitaria.

Il documento raccomanda:

• il massimo utilizzo da parte delle imprese di modalità di lavoro agile per le attività di supporto al cantiere che possono essere svolte dal proprio domicilio o in modalità a distanza;
• l’incentivazione di ferie e i congedi retribuiti per i dipendenti nonché gli altri strumenti previsti dalla contrattazione collettiva per le attività di supporto al cantiere; la sospensione di quelle lavorazioni che possono essere svolte attraverso una riorganizzazione delle fasi eseguite in tempi successivi senza compromettere le opere realizzate;
• l’assunzione di protocolli di sicurezza anti-contagio e, laddove non fosse possibile in relazione alle lavorazioni da eseguire rispettare la distanza interpersonale di un metro come principale misura di contenimento, siano adottati strumenti di protezione individuale
• la massima limitazione degli spostamenti all’interno e all’esterno del cantiere, contingentando l’accesso agli spazi comuni anche attraverso la riorganizzazione delle lavorazioni e degli orari del cantiere;
• l’intesa tra organizzazioni datoriali e sindacali.

Il parere degli esperti

Leggi anche: