Coronavirus, i numeri in chiaro. Pregliasco: «Andamento ondulante, si allontana la Fase 2»

Il direttore sanitario dell’istituto Galeazzi di Milano ha analizzato per Open gli ultimi dati dell’epidemia. Se ieri si erano registrati 3.836 nuovi casi positivi, il 9 aprile il numero è risalito a 4.204

I dati diffusi dalla Protezione civile il 9 aprile dicono che in Italia, attualmente, sono stati riscontrati 143.626 casi di positività al Coronavirus: 28.470 guariti, 96.877 infetti e 18.279 morti. Se nella giornata di ieri, 8 aprile, si erano registrati 3.836 nuovi casi di positività, oggi il numero è leggermente salito a 4.204. «Quest’oggi i dati non sono entusiasmanti. La situazione non sta migliorando così rapidamente come speravamo», spiega Fabrizio Pregliasco, epidemiologo e direttore sanitario dell’istituto Galeazzi di Milano. «È un andamento ondulante. In ogni caso adesso che i nuovi casi sono di meno rispetto a qualche settimana fa e facendo più tamponi, riusciamo ad avere valori più rappresentativi dell’epidemia», dice Pregliasco.

Open | La diffusione del Covid-19 in Italia (9 aprile 2020)

«Interessanti i dati sulle rianimazioni – aggiunge l’epidemiologo –, che migliorano ulteriormente. Anche il numero dei guariti è cresciuto parecchio. C’è però ancora molto lavoro da fare. Rimangono alti i contagi in Lombardia e soprattutto nella zona del Milanese. Quest’area deve essere tenuta sotto controllo». «Le speranze di attivare subito una Fase 2, in questi ultimi giorni, si sono affievolite», conclude Pregliasco. «Per fortuna la pressione sulle strutture ospedaliere della Lombardia è diminuita: questo ci permette di curare meglio i pazienti e rassicurare gli operatori, ovviamente sotto stress».

Il parere degli esperti:

Leggi anche: