Roma, in piazza i lavoratori dello spettacolo. Celestini: «Per Conte valiamo meno dell’aperitivo» – Il video

Almeno 500 persone a Montecitorio per protestare contro la chiusura dei luoghi della cultura: tecnici, attori, cantanti, circensi, direttori di compagnie teatrali, truccatrici, parrucchieri, operatori e maestranze radiotelevisive

Ancora proteste a Roma, in piazza Montecitorio, contro le restrizioni dell’ultimo Dpcm anti-Coronavirus. Questa volta a protestare sono stati i lavoratori e le lavoratrici dello spettacolo: tecnici, attori, cantanti, circensi, direttori di compagnie teatrali, truccatrici, parrucchieri, operatori e maestranze radiotelevisive. All’iniziativa hanno partecipato almeno 500 persone. Nel video in evidenza, l’intervento di Ascanio Celestini: «Il premier Conte ha detto che noi siamo quelli che fanno divertire. Una sorta di alternativa all’aperitivo, anzi meno, perché c’è stata più attenzione per gli aperitivi che per il mondo dello spettacolo».


Video e foto: Giulia Marchina

Leggi anche: