L’Italia chiama, la Cina risponde: arrivati medici, infermieri e migliaia di mascherine per sconfiggere insieme il coronavirus – Il video

Rianimatori, pediatri e infermieri cinesi sono atterrati ieri sera all’aeroporto di Fiumicino. Con loro anche decine di migliaia di mascherine, ventilatori e materiali respiratori

É il caso di dirlo: gli amici si vedono nel momento del bisogno. Ieri sera, infatti, è atterrato a Roma Fiumicino l’aereo proveniente dalla Cina con a bordo medici e infermieri oltre a un imponente carico di aiuti inviati dalla Croce Rossa cinese a quella italiana da destinare all’emergenza sanitaria del Coronavirus in Italia. 

Croce Rossa Italiana | L’aereo proveniente dalla Cina

30 tonnellate di forniture mediche

Nove bancali con ventilatori, materiali respiratori, elettrocardiografi, decine di migliaia di mascherine e altri dispositivi sanitari. In tutto trenta tonnellate di forniture mediche. Un grande aiuto per lo Stato italiano e per la sanità che, soprattutto in Lombardia, rischia il collasso tra mancanza di posti letto e medici e infermieri ormai stremati.

Arrivati rianimatori, pediatri e infermieri

Dopo quasi 10.000 chilometri da Shanghai a Roma, sono arrivati rianimatori, pediatri e infermieri, capitanati dal vicepresidente della Croce Rossa cinese, Yang Huichuan, e dal professore di rianimazione cardiopolmonare, Liang Zongan. Medici che, in Cina, hanno lavorato giorno e notte per contenere l’epidemia e che adesso iniziano a vedere i primi confortanti risultati.

Croce Rossa Italiana | Gli esperti arrivati dalla Cina

Ieri, in Cina, sono stati registrati solo 8 nuovi casi e 7 morti mentre i pazienti dimessi dagli ospedali, nelle ultime 24 ore, sono stati 1318, per un totale di oltre 64mila guarigioni, ovvero l’80% del totale dei contagi.

Un aiuto concreto al governo italiano

Il gruppo arrivato dalla Cina sarà ospitato dalla Croce Rossa Italiana: «Mettiamo a disposizione del Governo italiano vitali dispositivi quali i ventilatori e siamo in grado di fornire migliaia di mascherine per consentire di far lavorare in sicurezza i nostri volontari. Molto importante la presenza del team di esperti che potranno portare le loro conoscenze ai nostri sanitari, al fine di confrontarsi per un obiettivo comune: sconfiggere il virus» ha dichiarato Francesco Rocca, presidente della Croce Rossa Italiana e della Federazione Internazionale della Croce Rossa e Mezzaluna Rossa.

Croce Rossa Italiana | Gli aiuti dalla Cina

Nonostante gli insulti e le aggressioni fisiche, la comunità cinese in Italia si è subito mobilitata a favore del nostro Paese: basti pensare alla donazione di 1000 tute protettive e di 80mila guanti monouso all’ospedale Sacco di Milano o alla donazione di migliaia di mascherine da parte di un’associazione cinese a Torino.

Foto e video gentilmente concessi da Croce Rossa Italiana

Il parere degli esperti:

Leggi anche: