Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

«I malati sono 10 volte di più, tanti muoiono in casa». L’allarme dei medici di medicina generale

Paola Pedrini è il segretario della Fimmg, la Federazione italiana di medicina generale: «Noi medici di famiglia abbiamo parecchi malati a domicilio da seguire: ognuno riceve da 70 a 100 telefonate al giorno»

Paola Pedrini è il segretario della Fimmg, la Federazione italiana dei medici di medicina generale. All’agenzia di stampa AdnKronos ha spiegato che il quadro generale a Bergamo e nelle province lombarde più colpite dal Coronavirus potrebbe essere ancora peggiore rispetto ai dati ufficiali:


La situazione a Bergamo, una delle province lombarde più colpite dal nuovo coronavirus, al momento non è cambiata. Per vedere gli effetti delle misure di distanziamento sociale ci vorrà del tempo. I numeri fanno ancora paura. Noi medici di famiglia abbiamo parecchi malati a domicilio da seguire: ognuno riceve da 70 a 100 telefonate al giorno di persone che hanno tutti sintomi compatibili con la Covid 19, chi in forma più lieve e chi più severa.


I contagi sommersi, che non entrano nelle statistiche dei casi confermati, sono tantissimi visto che i tamponi non si fanno. Se nelle prime settimane potevamo stimare che i malati reali fossero 5 volte di più, ora sono 10 volte di più senza dubbio.

Contagi sommersi è la formula con cui definiscono tutti i casi di coronavirus che non passano dalle analisi ufficiali e quindi non entrano nelle stime diffuse dalle regioni e dalla Protezione civile. Paola Pedrini ha spiegato infatti che a Bergamo ogni medico di famiglia ha una media di tre pazienti con polmonite bilaterale.

I numeri reali sono tutt’altra cosa. Pure tanti decessi sfuggono alle statistiche ufficiali. Sono i pazienti che muoiono a casa. A Bergamo ogni medico di famiglia ha indicativamente una media di 3 pazienti trentenni con sospetta polmonite bilaterale. Ormai i casi li identifichiamo bene solo con il dato clinico.

È attendibile stimare circa 1.800 pazienti di questa età. Ovviamente i giovani pazienti con polmonite sono molti di meno rispetto a chi ha da 50-60 anni in su, ma anche i rianimatori hanno detto da subito che capitavano casi. Questo è solo per dire che tutti devono mantenere l’allerta e tutti devono seguire le indicazioni per il contenimento del contagio. Nessuno si può sentire tranquillo o immune.

Il parere degli esperti

Leggi anche: