Coronavirus e il ritorno dei «vaccini OGM». Verremo modificati geneticamente? No!

Continuare a condividere fantasie infondate sul vaccino anti-Covid che ci modifica geneticamente, non le renderà dimostrate

Avevamo già spiegato, in risposta alle affermazioni pubbliche della deputata Sara Cunial e della virologa Maria Rita Gismondo, che sostenere tesi sulla possibilità che i vaccini contro il nuovo Coronavirus a RNA messaggero (mRNA) a vettore virale, possano modificare il nostro DNA è pura fantascienza, così come parlare di vaccini OGM a seguito di un allentamento dei limiti da parte dell’Unione europea, per quanto riguarda le tecniche di ingegneria genetica eventualmente applicate nella loro produzione. Siccome queste tesi stanno tornando in auge nella rete, facciamo un ripasso.

  • Per approfondire riguardo ai vaccini anti-Covid potete recuperare la nostra Guida apposita.

Vaccini OGM

Innanzitutto, come spiegavamo nei nostri precedenti articoli, il concetto stesso di OGM è molto politico e per niente scientifico, tanto che tutt’oggi sono in commercio prodotti geneticamente modificati, ma con metodi arbitrariamente ritenuti non rientrare nella categoria.

È sufficiente usare il termine OGM per far scatenare l’ansia dei propri lettori di riferimento. Ma in natura abbiamo già visto numerosi fenomeni, che hanno dato luogo a specie nuove a partire dal rimescolamento di corredi genetici differenti, come nel caso emblematico del «mostro genetico chiamato frumento», ben spiegato su le Scienze da Dario Bressanini. Così, tutto ciò che viene fatto attraverso alcune tecniche di ingegneria genetica potrebbe ricadere nella sigla OGM. Il CRISPR a cui si riferisce Cunial riguarda invece l’editing genetico, ovvero una forma molto più avanzata, che permette di agire con estrema precisione su porzioni di codice genetico, mediante un’apposita «forbice molecolare».

Modificati geneticamente dai vaccini

Dal momento che vaccini come quelli di Johnson & JohnsonAstraZeneca e CanSino, utilizzano un adenovirus modificato che trasporta un frammento di RNA contenente le informazioni per produrre l’antigene del SARS-CoV-2, si sostiene la possibilità che possano eventualmente modificare il nostro DNA. Tutto questo è infondato e chi muove tali affermazioni non ci spiega come questi vaccini dovrebbero modificarci. Riportiamo quanto avevamo già spiegato:

Il vaccino di Moderna non riguarda l’editing genetico sulle persone, ma appunto la produzione dell’antigene attraverso un frammento di mRNA, rendendo così il Sistema immunitario in grado di riconoscerlo in tempo. Non ci risultano dal report di Moderna eventi avversi di questo genere. «No serious adverse events were noted», riportano gli autori, sui primi risultati riguardanti un campione di 45 volontari.

Sono davvero sconosciute delle «implicazioni di alterazione genetica». Nessun esperto ha sentito il dovere di precisare che l’mRNA «non si integri in qualche altro virus presente»; perché qualsiasi studente al primo anno di biologia sa benissimo che l’mRNA non può integrarsi nel genoma di un altro virus, viene infatti degradato da alcuni enzimi dopo la produzione delle proteine corrispondenti nei ribosomi.

Questa molecola contenente per esempio le informazioni riguardanti la produzione di un tipo di proteina, viene generata mediante la trascrizione dell’informazione genetica attraverso l’enzima RNA polimerasi, lo stesso preso in considerazione in alcune terapie farmacologiche contro il Covid-19, impedendo al SARS-CoV2 di legarsi a esso per moltiplicarsi.

In conclusione, torniamo suggerirvi anche la lettura di un post della pagina Facebook Biologi per la scienza, i quali danno una breve lezione di biologia di base a chi sostiene la possibilità che da un frammento di mRNA si possa arrivare a modificare il nostro DNA. Citiamo giusto un estratto:

«Il DNA viene trascritto in RNA e l’RNA viene tradotto in proteina (DNA→RNA→proteina), e mai il contrario», spiegano i biologi. Con una eccezione nel caso dei retrovirus. «questa affermazione – continuano gli autori – non è solo così sbagliata che se l’avessimo detto noi a un esame a quest’ora ci chiameremmo probabilmente Biologi Senza Denti, ma è anche pericolosa perché mette assieme i tre classici spauracchi pseudoscientifici: un vago pericolo, gli OGM e i vaccini».

Open.online is working with the CoronaVirusFacts/DatosCoronaVirus Alliance, a coalition of more than 100 fact-checkers who are fighting misinformation related to the COVID-19 pandemic. Learn more about the alliance here (in English)

Foto di copertina: qimono | Ingegneria genetica e vaccini.

Leggi anche: