Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Coronavirus. Vitamina C come terapia vincente per i pazienti negli ospedali milanesi? Falso! L’audio Whatsapp

L’ennesimo audio anonimo in cui si invitano le persone ad acquistare la vitamina C contro il coronavirus

Circola l’ennesimo audio Whatsapp dove una donna anonima riporta «informazioni sulla salute» e come viene trattato negli ospedali dove gli operatori sanitari stanno operando in prima linea contro il Coronavirus. La donna nell’audio sostiene gli stessi operatori sanitari l’hanno informata che la vitamina C stia dando effetti evidenti nel contrastare la malattia nei pazienti:

Buongiorno a tutti. Scusate, allora le mie notizie invece riguardano la salute. Sono arrivate adesso le notifiche a noi ospedalieri dal San Gerardo di Monza, dal Policlinico, dal Sacco, insomma gli ospedali quelli più impestati, facciamo prima a dir così. Allora, è efficacissima la vitamina C sui pazienti già affetti da coronavirus. La stanno usando come terapia e i pazienti rispondono benissimo. Quindi, assunzione di vitamina C anche come a scopo preventivo nell’ordine di 1-2 grammi al giorno. Come fare? Sicuramente una spremuta di arancio, limone e un kiwi al giorno se si utilizza l’alimentazione ma supplementato da una compressa da 1 grammo di Cebion, vitamina C che trovate nelle parafarmacie o nelle farmacie. Mi raccomando, questa cosa divulgatela il più possibile. Vitamina C a tutti quanti, bambini, adulti e soprattutto anziani nell’ordine di 1/2 grammi al giorno. Ciao.

A segnalarcelo al numero Whatsapp 3518091911 non sono stati soltanto gli utenti dubbiosi, ma anche operatori sanitari che lavorano presso l’ospedale Sacco di Milano. Infatti, a loro non risulta affatto questa storia così come non risulta ed è stata bollata come falsa anche dall’ufficio stampa dello stesso ospedale, contattato telefonicamente questa sera per un ulteriore riscontro.

Per i vostri figli state attenti, contattate prima il vostro pediatra per sapere quando e quale dose devono prendere i vostri bambini e in ogni caso – salvo allergie – un po’ di frutta è buona norma mangiarla.

AGGIORNAMENTO 11 marzo 2020

Dompé, società produttrice del prodotto Cebion Vitamina C, si dissocia dal messaggio Whatsapp e annuncia che perseguirà le vie legali per difendere la propria reputazione.

Il parere degli esperti:

Continua a leggere su Open

Leggi anche: