Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

La bufala Whatsapp sulla Protezione Civile e il «biocontenimento BSL-4»

Chi ha diffuso il testo ha utilizzato una sigla sbagliata che riguarda i laboratori

Circola un messaggio Whatsapp dove si sostiene che la Protezione Civile, in collaborazione con il Governo, dichiarerà il «biocontenimento BSL-4» per contenere l’emergenza Coronavirus:

Il dipartimento della protezione civile, in collaborazione col governo ha deliberato che il 15 marzo se l’epidemia non è stata contenuta verrá dichiarato il biocontenimento BSL-4. Il più alto che prevede protocolli di contenimento estremamente stringenti.
Se l’oms dichiara la pandemia significa che il mondo si fermerà completamente per 21 giorni. Borsa, parlamenti, scuole, aeroporti, treni, uffici, attività commerciali.. tutto. Solo un membro per ogni nucleo famigliare sarà dotato del kit necessario per recarsi ai checkpoint militari approntati per i rifornimenti necessari. Nessun’altra potrà lasciare la quarantena domiciliare, malato o sano, grave o no. Dopo 21 giorni sapremo che il virus è sconfitto ma faremo la conta di un isolamento così rigido.

Per sfatare il testo basta notare che il «biocontenimento BSL-4» in realtà è una sigla che determina il livello di biosicurezza (biological safety levels) negli ambienti chiusi come i laboratori. Resta la mancanza di riscontri nel sito della Protezione Civile e in qualunque comunicato riguardante l’emergenza coronavirus.

I livelli di sicurezza in laboratorio

Nel sito del Ministero della Salute è presente una presentazione in formato PDF dove vengono riportati, in italiano, i quattro livelli di sicurezza:

In una slide successiva vengono mostrati graficamente i quattro livelli BSL:

In pratica, stiamo parlando del livello presente in uno dei laboratori dello Spallanzani di Roma, come illustrato nella seguente slide:

Il parere degli esperti:

Continua a leggere su Open

Leggi anche: